Xiaomi arriva in Italia | Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Strategie commerciali

Xiaomi in Italia, le cose da sapere

di Paolo Longo

28 Mag 2018

Il gigante hi-tech cinese approda nel nostro paese con un obiettivo: scalzare la concorrenza in ogni fascia di riferimento

Dopo un’attesa lunga un anno, Xiaomi è arrivato in Italia. Uno dei più riconosciuti marchi hi-tech orientali approda nel nostro paese con un sacco di aspettative, a fronte di prodotti di qualità a prezzo contenuto. Il lancio del brand è francamente qualcosa di unico e, a livello comunicativo, orchestrato alla perfezione. Prima l’annuncio della compagnia poi quello dell’apertura del primo store ufficiale nell’hinterland milanese.

 

Insomma, una strategia pensata per raggiungere nel più breve tempo possibile il grande pubblico,  visto che quello di appassionati conosce già Xiaomi e la sua offerta, portata in Italia attraverso i siti di importazione, che però non assicurano un’assistenza funzionale sul territorio nostrano, o almeno, qualora vi sia, con tempistiche che si allungano.

Lo sbarco invece con un negozio fisico è un segnale forte della vicinanza di Xiaomi ai consumatori. Non si tratta di un punto di vendita temporaneo ma del tutto stabile, peraltro inserito in un contesto, il Centro di Arese, che già vanta l’aggettivo di area commerciale più grande d’Italia e tra le maggiori in Europa. L’occasione è la migliore per far conoscere ai consumatori non solo il catalogo smartphone, categoria che è comunque la principale per il business del gruppo, ma anche quello tecnologico più ampio.

 

Spazio allora a Mi Electric Scooter, un monopattino elettrico da 299 euro, un prezzo che è più o meno la metà di quello di oggetti concorrenti. Come i telefonini, design e forme non sono cinesate, ed è complicato tornare a spendere di più quando si provano dispositivi del genere, che poco hanno da invidiare ai competitor. 

 

Le modalità di distribuzione dei device in Italia sarà doppia. Da un lato il canale classico, quindi lo store, dall’altro il sito ufficiale, gestito da un rivenditore nazionale addetto sia alla spedizione che al pick-up per assistenza.

Paolo Longo

Tech Journalist, responsabile tecnico/editoriale della sezione Tech Lab #Digital4Trade, appassionato di BritPop e dei fratelli Gallagher

Xiaomi in Italia, le cose da sapere

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *