VMware continua a crescere grazie all'hybrid cloud - Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Vmware Europe

VMware continua a crescere grazie all’hybrid cloud



Vmware viaggia a tassi di crescita a doppia cifra, ha evidenziato il Ceo Pat Gelsinger. Il merito è anche di una strategia hybrid imboccata prima della concorrenza

di Redazione

16 Nov 2018


Il recente VMware Europe di Barcellona (qui il reportage completo di Digital4Executive) ha confermato la stato di salute del gigante della virtualizzazione. Il 2018 è stato l’ennesimo anno di crescita per VMware: +12% le previsioni, per un fatturato che sfiorerà i 9 miliardi di dollari (da 7,86 nel 2017) e 23 mila impiegati (125 in Italia). Protagonista indiscusso del’evento è stato il CEO Pat Gelsinger che ha fatto il punto sulla strategia, rivendicando di aver compreso in anticipo il trend del cloud ibrido. Oggi infatti le aziende hanno capito non solo che le applicazioni poggeranno ancora per molti anni in parte su infrastrutture on premise e in parte nel cloud pubblico.

Pat Gelsinger, Ceo di VMware

Ma anche che non basta un solo cloud provider, ma è meglio – a volte anche necessario – affidarsi a diversi fornitori. Il multi-cloud necessita di fare un ulteriore passo avanti nella creazione di un’infrastruttura logica “a consumo” in grado di dare alle aziende la massima flessibilità nell’allocare i workload in “nuvole” diverse, e di portare così le applicazioni su ogni device. In quest’ottica si inserisce l’acquisizione di Heptio da parte di VMware, che consente per l’appunto di creare quell’infrastruttura multi-cloud su cui le aziende possono eseguire le applicazioni in modo agile e veloce.

Un trend che riguarda anche il mercato italiano, dove da tre mesi la filiale italiana di VMWare è guidata da Raffaele Gigantino, che ha sostituito Alberto Bullani. «È un momento propizio per il mercato italiano, il software è in crescita così come l’adozione di soluzioni Cloud. Abbiamo clienti significativi, come l’Università di Pisa o il consorzio Innova Puglia, oltre che grandi banche e Ministeri, e una squadra motivata, che continua a crescere: abbiamo 23 posizioni aperte», ha detto il manager.