Carl Zeiss: il ritorno dello smartphone | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Smartphone revival: torna pure Carl Zeiss

di Paolo Longo

13 Lug 2017

Prima BlackBerry poi il 3310 e la “nuova” Motorola. Mancava l’asso nella manica: le ottiche che hanno fatto sognare il mercato mobile nei 2000 stringono una partnership con Nokia

Al Mobile World Congress di Barcellona BlackBerry ha annunciato il suo ritorno. Lo ha fatto assieme a HMD Global, distributore cinese che ha acquisito parte del famoso marchio canadese. Sempre in penisola iberica la tanto amata Nokia ha presentato il 3310 2017, un featured phone che strizza l’occhio al modello classico del 2000, con qualche funzionalità aggiuntiva. Solo un paio di giorni fa, dopo anni vissuti sul punto di cadere, Lenovo ha ridato vigore al brand Motorola, di cui detiene la parte Mobility, di fatto rilanciandolo nel mondo della telefonia con modelli interessanti.

 

Serve qualche altro elemento per giudicare l’anno in corso come quello ufficiale del revival mobile?

 

Se la risposta è si eccolo qua: Carl Zeiss, che ha contribuito a far diventare i cellulari dei cameraphone, ha stretto una collaborazione con Nokia per l’integrazione dei suoi sensori sui prossimi dispositivi del gruppo cino-finlandese. Probabilmente si tratterà di una partnership finalizzata ad aumentare il livello qualitativo ottenuto con la tecnologia Pure View, quella vista a bordo dei migliori Lumia, come il modello 950 XL, che ha pure sdoganato l’idea di Continuum, ripreso da Samsung con il dock DeX del Galaxy S8 e del futuro Note8.

Non conosciamo molto sul lavoro in concerto con l’azienda tedesca ma, oltre all’indiscrezione, c’è una dichiarazione di Pekka Rantala, CMO di HMD, che ha detto: “Guardiamo con interesse all’idea della dual camera, che apre a strada ancora non percorse e innovative”. Inutile dire come il prossimo Nokia avrà dunque un doppio sensore, il primo “dual” nella storia del produttore ma di certo non l’ultimo; visto il trend che guarda sempre più alla costruzione di device con più di un’ottica (anche tre a detta di chi aspetta l’iPhone 8) è probabile che presto Zeiss stringerà tante altre partnership con i big della telefonia, dalla Cina non attendono altro.

Paolo Longo

Tech Journalist, responsabile tecnico/editoriale della sezione Tech Lab #Digital4Trade, appassionato di BritPop e dei fratelli Gallagher