Smart Home, gli italiani la conoscono poco | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Ricerche

Smart Home, gli italiani la conoscono ancora poco

di Redazione #Digital4Trade

08 Ago 2017

Una ricerca Context ha messo in evidenza la scarsa diffusione degli strumenti Smart home nelle case degli italiani e una conoscenza ancora limitata

La Smart Home resta ancora una sconosciuta per la maggioranza degli utenti italiani, anche se qualche timido progresso rispetto agli anni scorsi inizia a intravedersi. Lo rivela un’indagine condotta dall’istituto di analisi Context su 4.500 consumatori di Regno Unito, Francia, Germania, Italia, Spagna, Svezia, Paesi Bassi, Russia e Turchia. Il principale risultato è che il nostro Paese continua a essere in ritardo rispetto alle proprie controparti europee sulla Smart Home. Context ha creato un vero e proprio barometro che combina i dati dell’indagine e quelli delle vendite, per avere una visione completa dell’andamento della Sin ogni paese. L’Italia, che segnava un indice di 24/100 nel 2016 (contro una media EMEA di 32/100), nel 2017 ha aumentato il suo indice a 36/100 nel 2017, solo 4 punti sotto la media EMEA che si attesta a 40/100 nel 2017 e davanti alla Spagna, alla Russia e alla Turchia. Il Belpaese è ancora al di sotto dei cinque paesi leader europei: Germania (67/100), Regno Unito (55/100 ), Francia (51/100), Svezia (51/100) e Paesi Bassi (42/100).

 

Pochi dispositivi in circolo

In aumento anche la percentuale delle persone che conosce il termine “Smart Home”, (43% nel 2017 vs 32,8% nel 2016), anche se i consumatori italiani restano meno avvezzi con il termine rispetto a quelli degli altri Paesi del Vecchio Continente. Una scarsa conoscenza che, probabilmente, è dettata anche dalla mancata diffusione. Il 77% degli intervistati ancora non possiede alcun prodotto Smart Home, una percentuale che rende l’Italia il paese europeo con il maggior numero di famiglie che devono ancora dotarsi di una casa intelligente. A voler vedere il bicchiere mezzo pieno si nota un aumento della diffusione rispetto al 2016, quando l’85,6% degli intervistati italiani non possedeva alcun prodotto Smart Home.

Ancora pochi italiani conoscono e utilizzano soluzioni per lo smart home

A preoccupare Context è anche un’altra percentuale: il 27,7% dei nostri connazionali intervistati sostiene che niente in particolare li motiverebbe a comprare prodotti Smart Home, una percentuale tripla rispetto a quella della Germania. Il rapporto evidenzia però anche alcuni elementi positivi: l’Italia, insieme alla Spagna, presentano una percentuale di persone che si aspettano di dotarsi di una casa intelligente entro un anno in forte espansione: il numero è aumentato di quasi un 4% rispetto al 2016, dal 5,4% al 9%. Questo colloca l’Italia subito dopo la Spagna (al 9,8% nel 2017 rispetto al 8,7% dello scorso anno) e poco sotto il Regno Unito (13,2%). Non solo: l’Italia guida il mercato EMEA relativamente all’intenzione di acquistare lampadine intelligenti.

Venendo più specificatamente ai prodotti in commercio, Context rileva una predisposizione favorevole verso l’hub di casa Apple, Apple Home, che ispira fiducia al 26,6% dei nostri connazionali intervistati. Google Home è invece notevolmente meno popolare, tanto che solo l’11,4% (meno della metà) del campione afferma di aver fiducia in questo prodotto.

  • arrow_upward
  • arrow_downward
  • share
    23 Share
Redazione #Digital4Trade

Profilo ufficiale della redazione di Digital4Trade