Se la Brexit diventa una minaccia degli hacker | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Speciale #Brexit

Se la Brexit diventa una minaccia degli hacker

di Paolo Longo

05 Lug 2016

A seguito del voto britannico aumentano i tentativi di phishing camuffati da comunicazioni per evitare i rischi economici seguenti all’uscita dall’Unione

Gli hacker stanno capitalizzando a loro modo la decisione dei cittadini britannici di uscire dall’Unione Europea. Come mostrano diverse ricerche, tra cui quella della londinese Digital Shadows, i criminali informatici hanno colto al balzo l’occasione della Brexit per lanciare comunicazioni fasulle a migliaia di cittadini via email, con il tentativo di far cadere tante ignare vittime sotto i colpi del phishing. A quanto pare, la “scusa” più utilizzata per avvinchiare tanti navigatori, spingendoli a cliccare dove non devono per aprire link a siti malevoli, riguarda i rischi economici dell’uscita della Gran Bretagna dalla cerchia della UE, con la promessa di fornire tutte le indicazioni necessarie per sopravvivere durante quelli che vengono definiti come anni turbolenti per il portafoglio del paese.

James Chappel, co-fondatore e CFO di Digital Shadows ha spiegato online: “Abbiamo notato un incremento nell’utilizzo dei topic riguardanti la Brexit nell’ultimo periodo all’interno di email, con l’obiettivo di spingere le persone a navigare su certi siti. Uno stratagemma comune usato dagli hacker è quello di inviare messaggi che si riferiscono al crollo finanziario che vi sarà a seguito della Brexit. Si tratta di un metodo che provoca certamente un’urgenza di click negli utenti, evidentemente preoccupati”.

Come spiegano da Londra, al click su link poco chiari si installa sul computer un malware che ha finalità ben poco etiche. In cima alla lista c’è il furto delle informazioni personali e dei dati sensibili, password comprese, con un conseguente e concreto danno per i malcapitati, più di quanto lo sia attualmente la Brexit vera e propria. Nonostante i continui proclami e le avvertenze circa l’apertura di file e collegamenti contenuti nelle email, il phishing è una minaccia sempre presente a livello globale. Proprio nel Regno Unito, terreno fertile per l’ultimo attacco, la polizia ha riportato un aumento della tecnica di infezione, veicolata tramite posta elettronica, prima di sms e classiche telefonate. 

Paolo Longo

Tech Journalist, responsabile tecnico/editoriale della sezione Tech Lab #Digital4Trade, appassionato di BritPop e dei fratelli Gallagher