Galaxy S9 in arrivo il 25 febbraio | Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Smartphone

Samsung conferma: il 25 febbraio è il giorno di Galaxy S9 e S9+

di Paolo Longo

26 Gen 2018

Diffuso l’invito per i media con il quale l’azienda invita a sintonizzarsi sul sito per il lancio dei nuovi modelli

Manca esattamente un mese alla presentazione di Galaxy S9 e Galaxy S9+. I due smartphone che nell’idea comune sono l’opposto ideologico dell’iPhone, vedranno la luce il giorno prima della partenza del Mobile World Congress di Barcellona, in programma dal 26 febbraio. Dopo aver saltato l’appuntamento precedente, Samsung è tornata alla tradizione, puntando sulla fiera iberica come kermesse migliore per svelare al mondo la sua flotta di top di gamma, destinata a tenere banco sul mercato mobile almeno fino al prossimo autunno, quando poi sarà tempo del Note9.

 

La conferma del 25 febbraio come data ufficiale è arrivata qualche ora fa, alla condivisione con i principali media al mondo dell’invito che svela anche un particolare interessante, almeno nelle intenzioni, di cui il Galaxy S9 dovrebbe essere portatore: una fotocamera avanzata. Il claim recita infatti The Camera Reimagined, focalizzando l’interesse proprio sul modulo di cui pare sarà dotato solo il modello Plus, mentre quello basico vedrà comunque un’implementazione della tecnologia ancora declinata su un sensore mono e non dual. Lo svantaggio maggiore? Probabilmente quello di non poter ottenere foto con effetto bokeh nativo, ma solo tramite editing fotografico, un po’ quanto succede oggi con S8 e Galaxy Note8, il primo della compagnia con camera posteriore doppia.

Non sarà certo solo questa la novità del terminale che ospiterà un processore concorrente del Kirin del Mate 10 Pro di Huawei e dell’A11 Bionic di iPhone X, ovvero i due che hanno dato il via alle CPU Smart, dotate cioè di un’area dedicata all’Intelligenza Artificiale e al calcolo neurale. Lo Snapdragon 845, che in Italia è rimpiazzato dallo speculare Exynos 9810, consentirà di portare a termine le più varie operazioni in un tempo minore, aprendo a possibilità interattive maggiori, ad esempio nel campo della predittività, un contesto che negli anni gli smartphone di nuova generazione non sono riusciti a implementare del tutto (pensiamo a Cortana su Windows Phone).

 

Di sicuro ne sapremo di più tra qualche settimana, quando il produttore coreano comunicherà anche il prezzo di vendita dei due telefonini (classico e Plus) e la disponibilità sul mercato che, a quanto pare, accorcerà le tempistiche rispetto al passato, portando nei negozi la nuova famiglia già a metà marzo.

Paolo Longo

Tech Journalist, responsabile tecnico/editoriale della sezione Tech Lab #Digital4Trade, appassionato di BritPop e dei fratelli Gallagher