Samsung: Il Cinema diventa a Led | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Samsung apre l’era del Cinema a LED

di Paolo Longo

17 Lug 2017

Debutta in Sud Corea la prima sala che fa a meno dei videoproiettori: si basa su un solo schermo digitale con 4K e HDR

Il passaggio dalla proiezione classica a quella digitale è stata indolore. Gli spettatori, nel tempo, sono stati abituati a godere di esperienze man mano superiori, sia nella qualità della visione che dell’audio. Oggi la stragrande maggioranza delle sale integra la trasmissione in 4K e il Dolby Surround, anche in modalità 3D dove previsto. Eppure un ulteriore novità è dietro l’angolo e porta il nome di Samsung. Il gigante dell’hi-tech ha infatti installato, per la prima volta al mondo, uno schermo LED al posto di un videoproiettore all’interno di un cinema in Sud Corea.

 

Si tratta del risultato di quanto presentato lo scorso marzo dalla divisione Visual Display della compagnia, con il nome di Cinema Screen: un pannello, lungo poco più di 10 metri, che copre l’intera superficie di visione, un vero videowall che elimina per sempre la necessità di utilizzare un telo su cui sparare le immagini che provengono dal proiettore posto all’altezza della regia. Il vantaggio? Per Samsung sta tutto nella maggiore visibilità e quantità di luce diffusa, circa 10 volte in più quella di una comune sala.

Ma non solo

In realtà i pro sono anche altri, come l’ovvia presenza del supporto al 4K (che abbiamo anche oggi, come detto) ma anche della tecnologia HDR, che rende la qualità dell’immagine più ricca e viva, grazie a un elevato contrasto tra i neri e i bianchi, tale da restituire una scena vicinissima a quello che vede un occhio nudo nel mondo reale. C’è anche un contro, superabile ma comunque presente al momento: il LED in questione misura 10,3 metri di lunghezza, qualcosa in meno dei 13 metri da cui partono i pannelli attuali (che possono arrivare ben oltre).

 

Per questo il Cinema Screen è indicato per ambienti limitati, pur sempre teatri e sale di proiezione ma non così estesi come si potrebbe immaginare. Siamo solo all’inizio ed è plausibile che la stessa Samsung stia lavorando su dimensioni maggiori, tali da rendere presto obsoleti i videoproiettori, con un salto qualitativo notevole (il LED può abilitare esperienze audio ulteriori) e un’ottimizzazione dei costi di gestione.

Paolo Longo

Tech Journalist, responsabile tecnico/editoriale della sezione Tech Lab #Digital4Trade, appassionato di BritPop e dei fratelli Gallagher