Raspberry Pi lancia Pixel OS su PC e Mac | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Raspberry Pi Foundation lancia Pixel OS su PC e Mac

di Paolo Longo

05 Gen 2017

La compagnia che produce il famoso mini-PC si lancia sul mercato del software cross-platform, attraverso un sistema operativo dedicato alla produttività

pixel OS
Conosciamo praticamente tutto di Raspberry Pi Foundation, la compagnia fautrice dell’omonimo mini-PC amato da geek e smanettoni. Il motivo? In dimensioni ridotte è possibile avere un vero computer, performante per compiere operazioni e attività che vanno ben oltre il semplice contesto dell’Internet delle Cose. Con l’obiettivo di estendere ulteriormente l’utilizzo di Raspberry, l’azienda ha reso disponibile anche su PC e Mac x86 il suo Pixel OS, sistema operativo basato su Linux e pensato per girare perfettamente sul piccolo di casa e che adesso fa il grande salto sulle piattaforme rivali. L’obiettivo non è di certo quello di contrastare il dominio di Windows 10 e macOS Sierra (e sarebbe alquanto impossibile) ma di donare agli utenti un ambiente di lavoro più snello e funzionale ad alcune attività professionali, come quelle di programmazione, che richiedono un ambiente privo di sivraccarichi da parte del sistema principale e risorse dedicate a programmi e tool specifici.

Gira ovunque

Vista la sua natura, Pixel OS svolge perfettamente un compito del genere, restituendo agli utilizzatori un’interfaccia snella e pulita ma pur sempre gradevole, in grado di girare su macchine moderne ma anche su hardware datati, con lo scopo di ridare vita a computer non in grando di montare aggiornamenti software recenti. “Ci sono un bel po’ di macchine in giro che possono ancora far girare Debian x86 in maniera decente – ha spiegato in occasione del lancio Eben Upton, fondatore della Raspberry – abbiamo lavorato per persone del genere, che possono caricare Pixel OS su una chiavetta o un CD e installarlo sui loro dispositivi”. Per provare la versione per piattaforme x86 basta cliccare qui.

Paolo Longo

Tech Journalist, responsabile tecnico/editoriale della sezione Tech Lab #Digital4Trade, appassionato di BritPop e dei fratelli Gallagher

  • Noi di https://ciaobit.com/ seguiamo molto attentamente la vostra testata da anni.
    E’ interessante l’evoluzione che sta avendo il mondo del SoC. Anche in relazione con il mercato cinese che sta entrando con prezzi e componenti competitivi.
    Si spera che la concorrenza e il libero mercato favorisca lo sviluppo di boards sempre più performanti e con un buon compromesso tra Qualità/prestazioni/prezzo.
    complimenti ancora per l’articolo.
    Matteo