Pennino, tastiera e dock: così si rinnova il Galaxy Tab S3 | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

device

Pennino, tastiera e dock: così si rinnova il Galaxy Tab S3

di Paolo Longo

23 Feb 2017

Il nuovo tablet verrà presentato domenica a Barcellona e già punta al dominio dell’iPad Pro

Non ci sarà il Galaxy S8 tra gli stand iberici del Mobile World Congress ma non per questo Samsung si lascerà sfuggire l’occasione di passare da protagonista l’edizione annuale della fiera di Barcellona. Il gruppo che, il 29 marzo, svelerà al mondo il telefonino della rinascita, quello che dovrà far dimenticare il fallimento del Note 7, si appresta infatti a lanciare il Galaxy Tab S3 nella giornata di domenica. Si tratta di un prodotto che segue la linea dei precedenti nel corpo e nelle dimensioni ma che si scosta da questi quando si parla di specifiche hardware e connettività.

Non si hanno certezze ma secondo le ultime indiscrezioni diffuse online, il tablet porterebbe con sé aggiornamenti sostanziali verso modalità di interazione differenti da parte degli utenti. Come per il Galaxy Tab S Pro infatti, vi è il supporto della S Pen, simile a quella della famiglia Note ma evidentemente più grande per consentire una scrittura facilitata su uno schermo maggiore.

Ma non solo: la novità starebbe tutta in una cover che fa anche da tastiera, simile a quella del Tab S Pro che però guardava a un pubblico diverso, fatto di professionisti e amanti di Windows 10. Qui c’è pur sempre Android (in versione Nougat) e un limite maggiore verso la compatibilità di altre app, seppur con la versatilità permessa dal sistema operativo di Mountain View. Non mancherà, a quanto pare, nemmeno un dock nel quale inserire il Galaxy S8 di prossima presentazione, magari per scambiare in velocità file e informazioni.

Difficile dunque ipotizzare un target di riferimento per un oggetto, il tablet in generale, che valica sempre di più i confini dei cluster predefiniti per inglobare una serie di necessità che sanno sia di consumer (come la multimedialità) che di business (produzione e revisione di documenti), persino enterprise quando si attuano politiche di accesso e gestione di reti aziendali in maniera corretta. Le specifiche tecniche lasciano il tempo che trovano, nel senso che a bordo troveremo l’ultimo processore di Qualcomm per dispositivi mobili, RAM e storage a volontà, il meglio in circolazione insomma, condito con l’ecosistema Samsung. Maggiori informazioni arriveranno tra qualche giorno, giusto il tempo dell’ufficialità.

Paolo Longo

Tech Journalist, responsabile tecnico/editoriale della sezione Tech Lab #Digital4Trade, appassionato di BritPop e dei fratelli Gallagher