iPad e Chromebook: la sfida si accende nell'education | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Device

Nuovo iPad e tablet Chromebook: si accende la sfida nell’education

di Gianluigi Torchiani e Paolo Longo

28 Mar 2018

Apple ha lanciato un Tablet che guarda a studenti e creativi, con un prezzi da 359 euro. La risposta di Google è nel primo tablet marchiato Chromebook, realizzato insieme ad Acer

Il mercato dell’education è un settore di crescente importanza per il mondo IT: soprattutto nell’America del Nord, la digitalizzazione è ormai profondamente penetrate nelle aule scolastiche e negli istituti universitari, diventando dunque un mercato appetibile per vendor e system integrator. Apple, in particolare, grazie ai suoi iPad è riuscita a ritagliarsi uno spazio importante, ben presto insidiato da Google con i suoi Chromebook, notebook equipaggiati con il sistema operativo di casa (Chrome OS) commercializzati a un prezzo più basso del tablet Apple. In queste ore la partita si è improvvisamente riaccesa, con due mosse decisamente importanti da parte dei due principali competitor di questo mondo, decisi a conquistare nuove quote di mercato.

 

Il nuovo iPad per il mondo education

Innanzitutto Apple ha ufficialmente presentato un nuovo iPad entry-level da 9,7 pollici durante un evento incentrato sull’educazione ( qui invece la presentazione dell’iPad Pro 3) presso il Chicago Tech Lane Prep High School. Il tablet sostituisce il modello precedente, rilasciato l’anno scorso anche se è dotato di specifiche tecniche aggiornate, incluso il supporto per la Apple Pencil, accessorio utilissimo per disegnare e prendere appunti. Oltre ad annunciare nuove versioni della sua suite iWork, Pages, Numbers e Keynote, tutte col supporto alla penna, la Mela ha ricordato come siano oltre 200 mila le app di formazione disponibili ad oggi sull’App Store. Insomma se negli anni scorsi la compagnia si era focalizzata solo parzialmente nell’ambito dell’education, ora pare voler fare sul serio, anche per scalzare il Chromebook, che è diventato il dispositivo più usato nelle scuole USA.

Le caratteristiche tecniche del nuovo iPad

“iPad è la nostra visione del futuro del computing, e centinaia di milioni di persone nel mondo lo usano ogni giorno al lavoro, a scuola e per divertimento. Il nuovo iPad 9,7″ parte dalle caratteristiche più amate e apprezzate del nostro iPad più popolare e le perfeziona per favorire la creatività e l’apprendimento – ha dichiarato Greg Joswiak, Vice President Product Marketing di Apple – il nostro iPad più popolare e accessibile supporta ora la Apple Pencil, offrendo ad ancora più utenti tutte le evolute capacità di uno dei nostri strumenti più creativi di sempre. Questo iPad integra inoltre il potente chip A10 Fusion, oltre a un ampio e brillante display Retina, fotocamere ottimizzate e sensori evoluti, con cui è possibile dare vita a incredibili esperienze AR semplicemente impossibili su altri dispositivi.”

Costruito per garantire robustezza e mobilità, il nuovo iPad 9,7 pollici presenta un guscio unibody in alluminio e connessione wireless ultraveloce, che può fornire connessioni dati cellulari due volte più veloci, così da rendere ancora più facile rimanere connessi ovunque. Il tablet può essere ordinato già da adesso, con consegne previste nel corso di questa settimana in oltre 25 paesi e aree geografiche, Italia inclusa. iPad è disponibile nei colori argento, grigio siderale e nella nuova finitura oro a partire da 359 euro per il modello da 32GB Wi-Fi e da 489 euro per il modello da 32GB Wi-Fi + Cellular.

 

Il primo tablet Chromebook

Ma la risposta da parte del mondo Android non si è fatta attendere: per  competere a tutto campo con la casa di Cupertino, all’ecosistema Google mancava un pezzo, ovvero produrre la sua tavoletta. Ora questo passaggio è stato compiuto grazie al lancio dell’Acer Chromebook Tab 10, il primo tablet provvisto del sistema operativo Chrome OS. Un dispositivo dedicato agli utenti del mondo dell’educazione e pensato per l’utilizzo nelle aule, per ampliare e migliorare l’apprendimento degli studenti. Tra le caratteristiche tecniche del tablet c’è l’autonomia della batteria (durata sino a 9 ore, ovvero quanto una giornata scolastica) e il design compatto. Ma il vero punto di forza dell’Acer Chromebook Tab 10 è il supporto completo allo store digitale Google Play, che permette l’accesso a insegnanti e studenti a milioni di app Android.

 

 

Non solo education

Di particolare interesse è che Acer Chromebook Tab 10 supporterà in futuro la Realtà Aumentata per permettere agli studenti di sperimentare nuovi modi di apprendere grazie a Expeditions AR. Quest’ultima è una tecnologia AR di Google in grado di scansionare l’aula e posizionare oggetti tridimensionali al suo interno per permettere agli studenti di studiarli in modo interattivo, con l’intento di rendere materie come biologia, geografia e astronomia più facili da comprendere. Dal momento che Chrome OS supporta l’accesso di più utenti, Acer Chromebook Tab 10 può essere condiviso in tutta la struttura scolastica e nei laboratori offrendo agli studenti un rapido accesso alle informazioni, alle app, ai progetti e a Gmail ovunque si trovino semplicemente accedendo al loro account univoco. Questo assicura un altro vantaggio: se un dispositivo viene perso, rubato o danneggiato gli studenti non perderanno comunque le loro informazioni. Oltre all’utilizzo educativo, però, il tablet Google – con opportune modifiche all’OS – potrebbe anche essere impiegato in ambito business, in particolare da parte di quelle imprese già abituate a maneggiare con gli smartphone Android e che potrebbero trovare utile avere a disposizione uno schermo più grande. Il prezzo di listino è molto vicino a quello di casa Apple: 329 euro, ovvero un investimento non impossibile per i clienti finali. Il nuovo Acer Chromebook Tab 10 è già disponibile in Nord America, mentre dovrebbe arrivare nella regione EMEA a partire da maggio.

Gianluigi Torchiani e Paolo Longo