Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Nokia torna sul mercato attraverso HDM Global

di Paolo Longo

09 Gen 2017

Il Nokia 6 è il nuovo telefonino con il marchio dello storico brand finlandese che nel 2014 aveva venduto la divisione mobile a Microsoft

Sono passati due anni dalla “scomparsa”, prematura e temporanea, di Nokia dal panorama dei dispositivi mobili. Nella primavera del 2014 la compagnia vendeva la divisione Mobile a Microsoft che sperava di poter godere del famoso brand per rilanciarsi nel mondo degli smartphone, svecchiando al contempo quello che rimaneva di Windows Mobile. La sfida non era semplice ma entusiasmante: unire il know-how hardware di Nokia al marketing globale e unificato di Redmond, un successo sulla carta. Eppure le cose andarono diversamente, con la multinazionale statunitense incapace di gestire la categoria, a fronte dell’ascesa di Android e del predominio di iPhone in tutto il mondo. Per questo, l’ufficialità del ritorno della nordeuropea, con il Nokia 6, è una di quelle notizie da ricordare per partire bene in questo 2017.

Tre nomi per un brand

In realtà, di Nokia è rimasto ben poco, almeno a livello burocratico. Nel 2016, in previsione della rinascita, Microsoft aveva ri-venduto la divisione Mobile a HDM Global, neonata azienda finlandese guidata da ex manager dello storico marchio. Questa, grazie a un’accordo con Nokia, si garantisce il diritto di produrre e distribuire smartphone con il logo per i successivi 10 anni, fino al 2026 dunque. A realizzare i dispositivi sarà però FIH Mobile, altra società con sede a Taiwan che ha comprato altri pacchetti di Nokia. Il cerchio è chiuso: HDM fa da polo logistico, Nokia ci mette faccia e brevetti e FIH la forza lavoro. Di fatto, come accade per i nomi più grossi, il Nokia 6 vedrà la luce all’interno di fabbriche cinesi e proprio in Cina verrà commercializzato in esclusiva, al cambio di circa 230 euro. Lo vedremo mai in Europa? Difficile a dirsi, anche se il richiamo di Nokia Corporation, verso i consumatori, potrebbe valere anche di più del telefonino in sé, un modesto middle-range alla stregua di altre decine.

Paolo Longo

Tech Journalist, responsabile tecnico/editoriale della sezione Tech Lab #Digital4Trade, appassionato di BritPop e dei fratelli Gallagher