Microsoft presenta Teams: chat intelligente per l'enterprise | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Chat professionale

Microsoft presenta Teams: chat intelligente per l’enterprise

di Paolo Longo

07 Nov 2016

Il futuro digitale è sempre più nelle mani dei bot e la casa di Redmond lo dimostra con il progetto che intende soppiantare Slack

Teams, ovvero gruppi, squadre, colleghi. Una piattaforma che oggi vuole mettere in contatto utenti del genere non può prescindere da una funzione particolare: le chat. Il sistema non è del tutto nuovo per Microsoft, che già da anni propone qualcosa del genere con Yammer, ma Teams è qualcosa di diverso, meno social network e più mezzo di comunicazione 2.0, aperto ai nuovi scenari della produttività professionale e, soprattutto pervaso da meccanismi di Intelligenza Artificiale e aiutanti-bot. La casa di Redmond lo ha presentato nel fine settimana, attraverso le parole del CEO Satya Nadella e di Kirk Koenigsbauer, Office Corporate Vice President. Si, perché Teams è profondamente integrato con la suite di lavoro universale, tale da creare un mix di possibilità digitali davvero unico.

Di cosa si tratta

Grazie a Teams, Office 365 si dota di opzioni di collaborazione interessanti, che rispondono alle esigenze di connettività dei lavoratori moderni. Ecco alcune chicche: tra i menu arrivano le chat di messaggistica istantanea per permettere ai team di comunicare facilmente; un hub dedicato; sicurezza nelle conversazioni, per condividere informazioni in modo protetto e un’alto livello di personalizzazione. In parole semplici, l’anima di Teams si divide in due: la prima è un’applicazione standalone per computer, smartphone e tablet, l’altra un’integrazione in Office 365, per chi ha già un abbonamento al servizio cloud di Microsoft. In realtà, Teams a prima vista sembra proprio ricalcare le logiche dei social network più famosi ma tutto è centrato sulle stanze di chat. Se ne possono creare di singole o di gruppo, aperte o private, a seconda delle esigenze dei gruppi di lavoro. Tutto molto simile a ciò che offre da tempo Slack, soluzione che adesso si vede minacciata dalla creatura di Nadella, in grado non solo di sfornare un prodotto interessante ma inserito pienamente nei flussi del programma di editing più usato al mondo, Office appunto. Microsoft Teams è già disponibile in modalità di prova per gli insider mentre diventerà pubblico nel 2017. 

Paolo Longo

Tech Journalist, responsabile tecnico/editoriale della sezione Tech Lab #Digital4Trade, appassionato di BritPop e dei fratelli Gallagher