Microsoft: ecco "MARCO", un archivio per gli assistenti vocali - Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Microsoft: ecco “MARCO”, un archivio per gli assistenti vocali



L’obiettivo è migliorare lo sviluppo di interfacce di supporto a software aziendali e di consumo, mettendo in circolo il know-how acquisito negli anni

Paolo Longo

20 Dic 2016


L’unione fa la forza. Sembra una frase fatta ma è ciò che guida l’operato di Microsoft nell’ambito della ricerca e sviluppo dei database che potenziano gli assistenti virtuali digitali. Per questo la multinazionale ha realizzato MARCO, ovvero Microsoft Machine Reading Comprehension, un insieme di dati strutturati in forma relazionale con oltre 100.000 domande e risposte accessibili a ricercatori e aziende, da cui prelevare informazioni per lo sviluppo delle loro soluzioni di assistenza vocale. In poche parole, il contenitore da cui preleva un bel po’ di dati Cortana è ora a disposizione della community, che potrà sfruttarlo per migliorare i propri progetti. E non solo developer indipendenti, visto che l’archivio è navigabile anche dalla concorrenza, come Apple e Google, che con Siri e Now già da tempo offrono piattaforme di supporto agli utenti finali.

Di cosa si tratta

Le frasi inserite nel database di MARCO sono quelle più ricercate sul motore casalingo di Bing attraverso l’interazione con Cortana. Quest’ultima, come sappiamo, è presente sia su dispositivi mobili Windows Mobile che su computer Windows 10, così come sulle console Xbox One, anche se in Italia la funzione non è ancora disponibile. Le risposte, sono tratte sia dalla restituzione dei siti web pubblicati che da documenti e articoli online, catalogati all’interno di un archivio di bozze predefinite che si trova su arxiv.org. Con una mossa del genere, Microsoft permette di accelerare concretamente lo sviluppo di sistemi intelligenti di nuova generazione, basati sul machine learning ma anche in grado di avere accesso a una quantità di informazioni tale da poter soddisfare un numero di richieste sempre maggiore, da ampliare e integrare con il tempo.