LG V30: arriva l'intelligenza artificiale | Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Smartphone

LG porta l’AI dentro il V30

di Paolo Longo

14 Feb 2018

Al Mobile World Congress di Barcellona la compagnia coreana presenterà uno smartphone leggermente rinnovato ma non rivoluzionario

Attesa fino all’ultimo, finalmente LG ha capito cosa vuole fare al Mobile World Congress di Barcellona. La fiera, che partirà tra una decina di giorni, è il ritrovo dei grandi nomi del mercato hi-tech e la coreana non poteva di certo rimanerne esclusa. Purtroppo in Spagna non vedremo alcun G7, successore dell’ottimo G6 del 2017 ma solo un LG V30 rinnovato nell’hardware, con una spiccata tendenza AI. A comunicarlo è stata proprio la multinazionale, che ha spiegato come intende approcciare il mondo dell’Intelligenza Artificiale sul cui cammino sono già ben avviati Apple, con l’iPhone X, Huawei con il Mate 10 Pro e Honor con il View 10 e dove, oramai lo sappiamo, arriverà pure Samsung con il prossimo Galaxy S9.

 

Il V30 in via di presentazione adotta la cosiddetta Vision AI, una tecnologia che permetterà al telefonino di avvicinarsi proprio alle funzioni del Mate 10 Pro, almeno a livello fotografico. Grazie ad avanzati algoritmi, i sensori posteriori potranno riconoscere la tipologia di ambiente che si trovano dinanzi, regolando in automatico le impostazioni per ottenere il miglior scatto possibile. Come per Huawei, anche qui esistono dei cluster predefiniti, tra cui cibo, panorama, ritratto, animali e così via, ma basandosi in larga parte sul software è probabile che in futuro ne arrivino altri, per coprire categorie differenti.

 

Non sappiamo se l’integrazione della AI a bordo dell’LG V30 sia una questione di aggiunte hardware o solo un’implementazione del sistema operativo. In assenza di ulteriori specifiche possiamo optare per la prima ipotesi, anche perché uno smartphone normale non può di certo assumere i super-poteri senza un aggiornamento sostanziale dei chip che lo compongono. Ad ogni modo ne sapremo di più dal 25 febbraio, quando sono previste le conferenze di apertura per la stampa del Mobile World Congress, che andrà avanti fino al 1 marzo.

Paolo Longo

Tech Journalist, responsabile tecnico/editoriale della sezione Tech Lab #Digital4Trade, appassionato di BritPop e dei fratelli Gallagher

LG porta l’AI dentro il V30

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *