Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Classifiche

Le migliori 5 app mobili per il business

di Paolo Longo

05 Giu 2017

Vada per il BYOD ma c’è bisogno delle applicazioni giuste per far muovere fuori dall’ufficio la produttività. Ecco quelle da avere

Il successo di una compagnia è il risultato del connubio di vari elementi, armonizzati e lasciati crescere assieme. Processi e operazioni dipendono ancora in gran parte dall’uomo ma si concentrano sempre più intorno alla tecnologia. Non possiamo non pensare a un business che non preveda una declinazione “always on” dei propri strumenti lavorativi. Il termine bring your own device (BYOD) è oramai passato di moda ma solo perché diventato cardine principale delle principali realtà, entrate a pieno regime nell’era dello smart working e dell’Industry 4.0.

 

Non è di certo solo l’elemento hardware a fare la differenza. Se il punto di forza è spostare sul mobile gli applicativi interni e i programmi usati dalle singole divisioni, una necessità è anche quella di far dialogare la forza lavoro in maniera semplice, appoggiandosi su software esistenti, che valicano i confini delle diverse piattaforme. Esistono delle app “must have” da cui partire per migliorare le attività di specifici reparti e che vanno bene, almeno all’inizio, così come sono, senza interventi e personalizzazioni? Si, eccole.

MailChimp, iOS/Android, gratis
Chi lavora nel marketing sa che si tratta di un lavoro che non termina mai. App come MailChimp hanno il compito di rendere più facile l’impostazione di campagne e la loro gestione, anche con un device mobile. Bastano un paio di passaggi per creare le stesse attività che di norma si svolgono dal computer. E anche la reportistica risponde alle necessità responsive di una forza lavoro spesso in giro e pienamente calata nel mondo dello smart working.

 

Salesforce1, iOS/Android, gratis (piani dedicati)
Senza dubbio il punto di riferimento mobile nel campo dei CRM. L’accesso è praticamente illimitato a ciò che l’azienda vuole integrare al suo interno. Gli stessi dati visualizzabili da computer sono pienamente consultabili e modificabili da smartphone e tablet. Ma non solo: con un po’ di pazienza e lavoro si adatta l’interfaccia alle proprie esigenze, così da avere un software cucito su ogni utente, indipendentemente dalla funzione svolta.

 

Zoho CRM, iOS/Android, gratis (piani dedicati)
Simile al precedente ma integrato con una serie di servizi specifici, come le mailing, l’archiviazione di documenti e le strategie di marketing. Si tratta di un CRM completo ma semplice da utilizzare, dal prezzo contenuto.

 

Facebook Workplace, iOS/Android, gratis (fee per utente)
In principio Facebook At Work, si tratta della declinazione del famoso social network pensato per le compagnie e gruppi di lavoro. Il design è simile anche se i tool sono orientati alla collaborazione e alla semplificazione dei flussi di lavoro. Si pagano delle fee mensili a seconda degli utenti di una stessa società: più aumentano gli iscritti, più si riduce il canone. Workplace è la risposta a chi non riesce a far rispettare correttamente le policy interne in termini di posting e condivisione con gli account personali.

 

HootSuite, iOS/Android, gratis
Disponibile per Android e iOS, offre un set di strumenti molto utili per gestire la presenza dell’azienda sui social network, comprensivi di dati di analisi e di programmazione. Vista la necessità di essere presenti praticamente ovunque, l’app è tra quelle migliori per lanciarsi in una proficua avventura 2.0.

 

  • arrow_upward
  • arrow_downward
  • share
    11 Share
Paolo Longo

Tech Journalist, responsabile tecnico/editoriale della sezione Tech Lab #Digital4Trade, appassionato di BritPop e dei fratelli Gallagher