KasperskyOS è disponibile sul mercato | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Internet of Things

KasperskyOS è disponibile sul mercato

di Paolo Longo

14 Feb 2017

Il sistema operativo a cui i Labs hanno lavorato per 15 anni è realtà: renderà più sicuri gli ambienti di system integrator, svilluppatori, macchine OEM e ODM

A novembre del 2016 Eugene Kaspersky in persona aveva annunciato KasperskyOS, un sistema operativo pensato per soluzioni embedded e dispositivi IoT. A tre mesi di distanza, il software è pronto per un rilascio globale, per potenziare macchine OEM, ODM e quelle professionali di system integrator e sviluppatori. Quasi fosse un album dei Pink Floyd, il team dell’agenzia russa ha impiegato 15 anni a portare a termine il lavoro, mettendo a frutto tutto il know-how acquisito in materia di sicurezza informatica. Del resto, i Kaspersky Labs hanno spiegato come, non essendo un sistema generico ma una piattaforma dedicata ad ambiti specifici, nulla poteva essere lasciato al caso, soprattutto quando si ha l’obiettivo di donare al mondo uno strumento a prova di hacker e criminali informatici.

KasperskyOS è basato su un microkernel costruito internamente sui principi della separazione del codice, del reference monitor, dei livelli multipli indipendenti e dell’architettura FLASK, ovvero Flux Advanced Security Kernel che fornisce un supporto flessibile per le policy di sicurezza. L’idea centrale da cui è partita la progettazione dell’OS è stata quella di consentire ai programmi di eseguire solo le operazioni documentate. Questo vuol dire escludere, all’origine, problemi di stabilità, tagliando persino fuori dall’eseguibilità funzioni intrinseche del sistema operativo se, qualora modificate, non dovessero rispondere ai requisiti previsti. Ovviamente non tutti i pacchetti possono essere validi per utenti differenti ed è per questo che KasperskyOS gode di una certa dose di flessibilità e versatilità, almeno in fase di impostazione e configurazione.

Andrey Nikishin, Head of Future Technologies Business Development di Kaspersky Lab, ha commentato così la disponibilità dell’OS: “Non esiste la sicurezza al 100%, ma KasperskyOS garantisce ai nostri clienti almeno il 99%. Dal punto di vista tecnico possiamo dire di aver realizzato una struttura in grado di respingere i tentativi di violazione di un determinato codice. Il vantaggio è che se un’azione non è documentata nelle policy aziendali allora non può avvenire. Per questo possiamo tranquillamente affermare che KasperskyOS è immune dalle minacce informatiche. Almeno da quelle attuali”.

Paolo Longo

Tech Journalist, responsabile tecnico/editoriale della sezione Tech Lab #Digital4Trade, appassionato di BritPop e dei fratelli Gallagher