iPhone 8: ecco come sarà | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

iPhone 8: ecco come sarà

di Paolo Longo

14 Mar 2017

Il prossimo smartphone godrà dei benefici di uno schermo OLED senza cornici, riconoscimento del volto e niente pulsante Home. Attesa per il visore di realtà virtuale

Un anno da ricordare. Apple ha intenzione di imprimere questo 2017 nella mente di tutti i suoi fan, anzi anche di tutti gli altri. A dieci anni dal lancio del primo iPhone, Cupertino si accinge a presentare uno smartphone destinato a cambiare di nuovo le carte in tavola, rinnovando il mondo della tecnologia mobile sotto tanti aspetti. Molti pensano che ci sia ben poco da rivoluzionare in un settore che ha praticamente detto tutto ma i produttori non la pensano così. Il primo cambio di passo, accolto naturalmente da Apple, è la tecnologia OLED, la sola che permette di costruire dispositivi con display più flessibili degli attuali e con una restituzione di luce migliore. Ma solo: un vetro del genere sarebbe anche in grado di accogliere sensori differenti per realizzare, ad esempio, tasti ibridi “on-screen”, da integrare direttamente nel pannello. Queste e altre sono le novità che attendono iPhone 8, scopriamole insieme.

Hardware

A bordo del prossimo melafonino troveremo il processore A11, non solo più potente dell’attuale ma anche con capacità di gestione dell’autonomia migliori. Sarà grazie alla rinnovata CPU che potrà essere integrata maggiore RAM (almeno 4 GB) e una GPU avanzata, tale da avvicinare sempre di più le esperienze di gaming sul mobile a quelle su console domestiche (con le dovute differenze).

Lo schermo

Come anticipato, ci sarà quasi sicuramente un display OLED senza evidenti cornici, ovvero “edge-to-edge”, non curvo come il Galaxy S7 ma quasi. Il vetro infatti avrà comunque la tecnologia di costruzione 2,5D, per ottenere forme più tonde e sinuose. A detta di molti sparirà il tasto fisico Home, l’unico presente sulla scocca frontale. Questo andrà a finire direttamente sul display, precisamente sotto di esso, integrato assieme al Touch ID.

Fotocamera

Stranamente, le indiscrezioni minori riguardano il comparto fotografico dell’iPhone. Una volta intrapresa la strada della dual-cam, almeno sulla versione Plus, difficilmente si tornerà indietro. Anzi, anche il modello di base, finora sprovvisto, potrebbe essere aggiornato con la doppia lente. Il sensore frontale sarà accompagnato dal lettore dell’iride, simile a quello del Note7, ma più vicino alla logica dell’autenticazione di Windows Hello, almeno per la quantità di app che potranno utilizzarlo.

La Realtà Virtuale

Grande attesa c’è circa le mosse che Cupertino vorrà intraprendere per mettersi in scia a Samsung rispetto al mercato VR. Dietro l’angolo dunque un visore (Apple VR?) sviluppato con Carl Zeiss, dentro il quale infilare l’iPhone. La concorrente coreana ha dimostrato che gli utenti sono davvero affascinati dall’intrattenimento 3D anche se il settore è ben lungi dall’essere esploso. Riuscirà la Mela ad accelerare verso l’adozione? Ci sono pochi dubbi a riguardo.

Versioni

Avremo un iPhone 8 e un iPhone 8 Plus? Sicuramente ma con una sorpresa. Per non prosciugare del tutto il portafoglio dei suoi fan, Apple avrebbe deciso di sfornare una versione classica del nuovo smartphone, dotandolo degli aggiornamenti dei suoi compagni ma privo di alcune chicche, come ad esempio la dual-cam e lo scanner dell’iride. Questo avrà una diagonale del display da 4,7 pollici mentre gli altri due monteranno un pannello da 5 e 5,5 pollici (Plus), così da avvicinarsi alle dimensioni della concorrenza.

Prezzo

La nota dolente, come in ogni prodotto Apple. L’iPhone 8 Classic costerà poco meno di 1.000 euro, nella versione da 64 GB. L’iPhone 8 andrà di poco sopra mentre il Plus sfonderà il tetto dei 1.100 euro, costando più di un portatile di fascia alta e quasi quanto un MacBook. Tutti e tre verranno messi in vendita nell’autunno del 2017 con le solite fasce di disponibilità.

  • arrow_upward
  • arrow_downward
  • share
    40 Share
Paolo Longo

Tech Journalist, responsabile tecnico/editoriale della sezione Tech Lab #Digital4Trade, appassionato di BritPop e dei fratelli Gallagher