Centri di trasferimento tecnologico Industria 4.0: cosa sono | Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Industria 4.0

Industria 4.0: cosa sono i Centri di trasferimento tecnologico

di Redazione

08 Ott 2018

Le imprese con forti competenze nei settori alla base di Industria 4.0 possono cercare di farsi accreditare come Centri di Trasferimento tecnologico. Una strada alla portata anche delle imprese del Trade

Industria 4.0 è un’opportunità importante per il mondo degli operatori del Trade, come abbiamo raccontato in più di un’occasione. La capacità di integrare diverse soluzioni hardware e software nelle specifiche realtà aziendali, per rendere davvero concreta la digitalizzazione delle imprese industriali, rende infatti indispensabile il lavoro costante e certosino del mondo del canale. Poco noto è, però, che per quelle aziende che in questi anni hanno saputo creare qualcosa di strutturato in ambito Industria 4.0, esiste la possibilità di ottenere un riconoscimento ufficiale dello Stato, che può essere foriero di ulteriori opportunità. Stiamo parlando dei Centri di Trasferimento Tecnologico, il cui funzionamento è disciplinato dal decreto 22 dicembre 2017 del Ministero dello Sviluppo Economico: più precisamente questi Centri svolgono attività di formazione e consulenza tecnologica, nonché di erogazione di servizi di trasferimento tecnologico verso le imprese negli ambiti di operatività individuati dal ministero dello Sviluppo economico, tra i quali la manifattura additiva, la realtà aumentata, l’internet delle cose, il cloud, la cybersecurity e l’analisi dei big data.

I requisiti per ottenere la qualifica

Per ottenere questo riconoscimento, bisogna rispettare tutta una serie di importanti requisiti: ad esempio, è previsto che almeno il 30% dei ricavi annuali debba essere legato a progettazione o trasferimento tecnologico 4.0. Inoltre devono essere presenti in organico almeno cinque unità di lavoro equivalenti a tempo pieno dedicate, tre figure tecniche con almeno tre anni di esperienza. La presenza di contratti con università, enti di ricerca, istituzioni pubbliche garantiscono punteggi aggiuntivi, così come il numero di brevetti e i progetti di ricerca europei in corso.

 

Una certificazione triennale

La certificazione viene rilasciata da Unioncamere, dopo un’attenta analisi documentale, attraverso una propria struttura tecnica nazionale e può essere riconosciuta a società e a enti, iscritti al Registro delle Imprese e/o al Repertorio delle notizie Economiche e Amministrative (REA) e agli albi, ruoli e registri camerali obbligatori, che non siano in stato di liquidazione o scioglimento o sottoposti a procedure concorsuali e a enti ed istituzioni pubbliche e private, incluse le associazioni imprenditoriali e loro strutture tecniche, rispondenti ai requisiti stabiliti decreto. La certificazione ha una durata temporale massima di tre anni con verifiche a campione effettuate, anche mediante sopralluoghi, con frequenza annuale e può essere rinnovata.

 

Il 16 ottobre a Roma appuntamento sull’Industria 4.0

Ma perché conviene farsi accreditare come Centro di Trasferimento tecnologico? L’ottenimento della certificazione consente alle imprese che si rivolgono a questi Centri di accedere a contributi camerali e agevolazioni a fondo perduto per progetti di formazione e consulenza in ambito 4.0. Rendendo quindi conveniente alle imprese interessate a fare Impresa 4.0 rivolgersi in prima battuta a questi centri per ottenere consulenza. Al momento hanno ottenuto il riconoscimento come centro di trasferimento tecnologico sette società nell’intero territorio nazionale, ma non esistono limiti numerici di nessun tipo. Di Industria 4.0 si parlerà in occasione di un apposito evento organizzato a Roma dal Gruppo Digital 360, in programma il prossimo 16 ottobre. Per conoscere tutti i dettagli sull’appuntamento occorre andare su questa pagina. 

  • arrow_upward
  • arrow_downward
  • share
    16 Share
Industria 4.0: cosa sono i Centri di trasferimento tecnologico

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *