Il nuovo iPhone avrà uno schermo curvo | Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Smartphone

Il prossimo iPhone sarà curvo

di Paolo Longo

06 Apr 2018

Nei progetti di Apple c’è uno smartphone con schermo flessibile e da controllare con i gesti. Ecco cosa dicono le ultime indiscrezioni

Sappiamo già che Apple sta lavorando attivamente alla realizzazione di schermi più sottili per i suoi iPhone. La novità è che se questi dovessero basarsi sulla tecnologia LED vorrebbe dire portare a bordo dei telefonini del gruppo dei pannelli non solo più leggeri ma anche maggiormente flessibili, tanto da risultare curvi più di quanto visto sinora dalla concorrenza (pensiamo alla serie Galaxy di Samsung). Indiscrezioni dell’ultima ora vanno anche oltre, affermando come il prossimo iPhone sarà sicuramente curvo e con la possibilità di essere controllato tramite gesture non-touch.

 

In che modo? Semplicemente ponendosi dinanzi alla fotocamera e muovendo le mani in stile Minority Report, qualcosa che dispositivi come Sprout di HP hanno già mostrato, seppur in ambito professionale. Novità del genere dovrebbero aiutare Apple a differenziare la propria offerta in ​​un mercato sempre più affollato e avido di innovazioni a più non posso. I report provenienti da Bloomberg citano quelli che al momento sono progetti anche se non è chiaro quando e come la Mela implementerà l’hardware e il design a bordo di prodotti finiti.

Al di là dello schermo, una tipologia di costruzione a cui arriveremo prima o poi, è sicuramente più curiosa la tecnologia che permetterebbe di gestire finestre e interfaccia senza toccare il pannello. Apple ha già dimostrato di saper lavorare benissimo su sensori e chip fotografici ed è un aggiornamento del genere che porterebbe un elemento come il Face ID non solo a riconoscere il volto a scopo di autenticazione ma anche le altre parti del corpo, come le mani, per interagire con il software di iOS.

 

In realtà, la concorrenza in passato ha mostrato finalità simili ma lontane da ciò che potrebbe realizzare la compagnia di Cupertino. Con le Air Gestures ad esempio, Samsung consente al pennino del Note8 di ottenere informazioni semplicemente avvicinandosi alle finestre. In questo caso però c’è sempre bisogno di un attivatore esterno (la S Pen appunto), elemento che Tim Cook vuole eliminare per rendere tutto più semplice e naturale.

Paolo Longo

Tech Journalist, responsabile tecnico/editoriale della sezione Tech Lab #Digital4Trade, appassionato di BritPop e dei fratelli Gallagher

Il prossimo iPhone sarà curvo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *