Il Galaxy S9 andrà a velocità di 1.2 Gbps | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Il Galaxy S9 andrà a 1.2 Gbps

di Paolo Longo

11 Ago 2017

Si avvicina l’era della mobilità ultra veloce grazie ai nuovi modem a bordo delle CPU Exynos che verranno introdotte nel 2018

Tra poco meno di un anno potremo scaricare un intero film in HD in soli 10 secondi. Non servirà nient’altro che un Galaxy S9. Il prossimo smartphone di Samsung, previsto secondo le consuete roadmap tra la fine di febbraio e le idi di marzo, sarà infatti il primo ad abilitare una velocità in download pari a 1.2 Gbps. Il traguardo sarà reso possibile sia dall’implementazione delle attuali reti e infrastrutture sul territorio ma anche dalla presenza a bordo del dispositivo di un modem di nuova generazione, capace di supportare la tecnologia 6CA, ovvero l’aggregazione fino a sei network differenti. Ciò cambierà totalmente il panorama delle connessioni mobili, già portato oltre i limiti dall’attuale Galaxy S8, che può arrivare a poco più di 1 Giga al secondo in fase di scaricamento file dal web.

Exynos su tutti

A differenza di quanto si pensi, dietro lo smartphone da 1.2 Gbps non c’è una partnership tra Samsung e Qualcomm (in procinto di presentare il nuovo Snapdragon) ma un lavoro di finalizzazione interna sul processore della casa, l’Exynos. La serie odierna, la numero 9, supporta già la tecnologia 5CA ma per generare un boost superiore del 20% (pari a 0,2 Gbps) c’è bisogno di un aggiornamento che aggiunga una banda in più, tale da consentire la certificazione 6CA.

galaxy s9

In parole povere, ciò vorrà dire scaricare un intero film in HD in soli 10 secondi ma anche eliminare del tutto il buffering durante videoconferenze o chiamate in video con i client più conosciuti. Altri benefici includono trasferimenti più stabili, l’input multiplo 4×4, il Multiple-Output e l’abilità di sfruttare spettri radio dagli operatori in uso anche se privi di licenza (come gli hotspot temporanei). La strategia della coreana non guarda solo ai dispositivi brandizzati con il proprio marchio. La competizione con Qualcomm potrebbe essere reale visto che la famiglia di Exynos 10 sarà compatibile pure con il 5G quando arriverà. Molti produttori potrebbero dunque scegliere la CPU di quest’ultima piuttosto che lo Snapdragon 5G ready, che in ogni caso verrà integrato a bordo dei Galaxy S9 distribuiti in alcuni mercati, come accade già per l’S8.

Paolo Longo

Tech Journalist, responsabile tecnico/editoriale della sezione Tech Lab #Digital4Trade, appassionato di BritPop e dei fratelli Gallagher