Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

I prossimi MacBook avranno Kaby Lake

di Paolo Longo

23 Mag 2017

Il lancio dei nuovi notebook è previsto per il WWDC 2017 dove vedremo anche i rinnovati MacBook da 12 pollici e la generazione di Air

Apple è pronta a svelare non uno ma ben tre MacBook all’evento Worldwide Developer Conference che si terrà a giugno. Non c’è alcuna certezza ma fonti online, come l’autorevole Bloomberg, si dicono certe dei progetti hardware della compagnia. La WWDC 2017 partirà il 5 del prossimo mese e non è quasi mai stata terreno di presentazione di nuovi prodotti. Qui si incontrano sviluppatori e tecnici che apprendono la roadmap dei sistemi operativi gestiti dalla Mela, le novità software e di programmazione. Sembra strano dunque che Tim Cook abbia previsto un annuncio così importante in tale sede ma nel decennale del primo iPhone tutto è possibile. E questo è ciò che credono negli USA, dove proprio qualche mese fa le vendite dei MacBook sono scese in seconda piazza rispetto a quelle dei Chromebook, dispositivi molto apprezzati dal settore educational.

Come saranno

Visto che ci siamo, conviene anche tirare le somme sulle indiscrezioni circa le specifiche tecniche dei prossimi notebook. La principale novità riguarda la presenza dei più recenti processori Kaby Lake di Intel, che prenderanno il posto degli attuali Skylake. Non si tratta certamente di una rivoluzione in ambito computing (questa, se ci sarà, avverrà con i Core i9) ma di un upgrade sensato nell’ottica di contrastare gli agguerriti competitor. In quanto a design, Apple non porterà stravolgimenti, allineando la famiglia di portatili ai top odierni, che ospitano una barra touch al posto della prima fila di tasti sulla keyboard. La striscia sensibile al tocco, conosciuta come Touch Bar, diventa fondamentale per l’affermazione, anche via desktop, di Apple Pay, il sistema di pagamento che la multinazionale ha abilitato anche in Italia nei giorni scorsi.

Se l’hardware in comune pare essere lo stesso, le differenze tra i MacBook riguarderanno il taglio del display, con il rinnovo anche del 13 pollici e lo spessore sempre più ridotto della gamma Air, che di fatto monta delle componenti di assoluto rilievo, lesinando principalmente sulla presenza di porte e ingressi, limitati all’unica USB di tipo C.

Paolo Longo

Tech Journalist, responsabile tecnico/editoriale della sezione Tech Lab #Digital4Trade, appassionato di BritPop e dei fratelli Gallagher