Huawei P20 in arrivo il prossimo marzo | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Smartphone

Huawei P20 arriva il 27 marzo

di Paolo Longo

02 Feb 2018

Il prossimo smartphone della cinese con Intelligenza Artificiale verrà presentato a Parigi. Al Mobile World Congress di Barcellona “solo” un tablet Android

Manca meno di un mese alla partenza del Mobile World Congress di Barcellona e dunque le big del settore devono per forza di cose mostrare le loro carte. Samsung lo ha fatto, confermando la presentazione del Galaxy S9 e del Galaxy S9+ il 25 febbraio pomeriggio, in diretta dalla città iberica, così come Huawei, che ha escluso la presenza del suo prossimo top di gamma dalla kermesse spagnola. Ebbene si, il tanto atteso P20 (che in precedenza sarebbe dovuto essere P11 in logico ordine cronologico) è destinato a sbarcare in Europa presto ma non a Barcellona e sopratutto non a febbraio.

 

Il telefonino che ospiterà la seconda generazione del processore casalingo Kirin, dotato di neural processing unit per l’attuazione di calcoli tramite Intelligenza Artificiale, si paleserà il 27 marzo a Parigi, durante un evento ad-hoc organizzato dal team della rampante multinazionale cinese, che punta dritto alla leadership di Samsung nel mercato smartphone.

 

Poco possiamo dire circa il prossimo dispositivo anche perché finora le attenzioni sono state rivolte tutte all’appuntamento catalano dove a catalizzare le attenzioni sarà il fatidico S9. Il P20 però, successore nella tecnologia più del Mate 10 Pro che del P9, ha in serbo un bel po’ di sorprese, non solo per la nicchia che segue le tendenze AI ma anche per l’utente medio, interessato alle capacità multimediali e fotografiche dei device di nuova generazione.

Ma a questo punto cosa porterà Huawei al Mobile World Congress? Molto probabilmente un tablet, il MediaPad M5. Si tratta di un oggetto da 8,4 pollici con processore Kirin 960 (senza AI dunque), porta USB di Tipo-C e Android Oreo. Il mondo delle tavolette smart non sta di certo passando un buon momento, con un declino in fatto di vendite e una conferma di segmenti più alti, come i convertibili e trasformabili. La strategia di Huawei però è chiara: occupare posizioni di dominio un po’ ovunque nell’offerta hi-tech, dai cellulari di bassa fascia ai flaghsip, passando per tablet e notebook, con i MateBook che hanno già accolto un discreto seguito.

Paolo Longo

Tech Journalist, responsabile tecnico/editoriale della sezione Tech Lab #Digital4Trade, appassionato di BritPop e dei fratelli Gallagher