Galaxy S9, ecco come sarà | Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Mobile

Galaxy S9, ecco come potrebbe essere

di Paolo Longo

14 Dic 2017

Uno schema diffuso in rete mostrerebbe il design del nuovo smartphone che apparirà per la prima volta al CES 2018 di Las Vegas

Sotto un certo punto di vista, il Galaxy S9 ha già un record: è il telefonino di cui si parla di meno a poche settimane dalla presentazione. Siamo nel campo delle ipotesi è certo: secondo gli esperti del settore, Samsung porterà il prossimo top di gamma al CES di Las Vegas, che prenderà il via dal 9 di gennaio. Manca dunque meno di un mese allo smartphone che dovrà confermare la compagnia coreana come leader del settore a livello globale, con il rischio che un flop dia il via libera all’ascesa di Huawei verso il primo posto, dopo il sorpasso finalizzato proprio in autunno ai danni di Apple, ora in terza piazza.

 

Come sarà quindi il Galaxy S9? Nessuno è in grado di dirlo proprio per l’assenza di notizie su cui basarsi, anche solo minimamente. Con tutta probabilità, non avremo un salto di stile e design così netto come nel passaggio tra S7 e S8 ma una serie di implementazioni in grado di perfezionare un prodotto che ancora oggi è un best-seller, anche in Italia.

 

Un recente schizzo diffuso sul network cinese di Weibo mostra le dimensioni esatte di quello che i fautori dicono essere il nascituro S9. Volendo metterlo al fianco del predecessore, in termini dimensionali, si nota un corpo più sottile e un rapporto tra altezza e larghezza minore, seppur la superficie del display sembra essere la stessa. Come mai? Grazie a cornici ancora più ridotte e all’eliminazione di un po’ di spazio sulla parte superiore e inferiore del telefono. Essendo un disegno prettamente illustrativo, pochi sono i particolari da cogliere. Tra questi vi è il posizionamento del lettore di impronte digitali sotto la fotocamera (stranamente singola e non doppia come su Note8), in un’area più facilmente raggiungibile rispetto a dove si trova oggi, alla destra dell’ottica posteriore.

Dicevamo delle caratteristiche tecniche: nulla è emerso finora ma è auspicabile attendersi a bordo dell’S9 tutte le ultime innovazioni in termini di tecnologia mobile. Il cuore sarà dunque uno Snapdragon 845, naturalmente aperto alla realtà virtuale e al supporto di una AI avanzata, con la controparte occidentale rappresentata da un Exynos di pari livello. Lo storage resta da 32 GB mentre alcuni dubbi circondano il quantitativo di RAM, tra i 6 e gli 8 GB, comunque quanto basta per far girare anche un Pentium di qualche anno fa.

 

Il mistero vige anche sulla disponibilità del prodotto ma se Samsung ha deciso di anticipare i tempi con un keynote al CES 2018, quando finora aveva tenuto un evento ad-hoc in primavera, allora vuol dire che l’arrivo nei negozi potrebbe essere già entro febbraio, lasciando all’aprile inoltrato tutto il tempo per svelare il Galaxy X, primo dual-screen dell’azienda.

Paolo Longo

Tech Journalist, responsabile tecnico/editoriale della sezione Tech Lab #Digital4Trade, appassionato di BritPop e dei fratelli Gallagher

Galaxy S9, ecco come potrebbe essere

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *