Apple Watch: più funzioni per la salute | Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Faremo l’elettrocardiogramma con l’Apple Watch

di Paolo Longo

08 Gen 2018

Il prossimo orologio avrà un sensore EKG per ottenere dati più precisi sullo stato del cuore così da porsi come strumento privilegiato per l’healthcare

Un gadget hi-tech per la massa non potrà mai sostituire terminali ad-hoc per la medicina ma il prossimo Apple Watch ci andrà molto vicino. Stando a un report di Bloomberg, la multinazionale americana starebbe lavorando a una nuova versione del suo wearable, dotata di sensore per effettuare un classico elettrocardiogramma. Al fianco dei moduli già esistenti, Cupertino potrebbe piazzarne uno EKG in grado di far diventare l’orologino smart un dispositivo indirizzato seriamente alla cura della propria salute fisica, più di quanto lo sia oggi con le numerose app di fitness e monitoraggio di base.

 

Il beneficio di uno strumento del genere sarebbe la sua naturale leggerezza e versatilità: chiunque abbia bisogno di tenere costantemente aggiornata la situazione del cuore non dovrebbe far altro che indossare il Watch per farsi misurare in automatico il trend durante la giornata.

Che l’Apple Watch sia nato come oggetto di moda e poi abbia preso una direzione specifica è chiaro. Diverse compagnie hanno realizzato prodotti che dialogano via Bluetooth con l’indossabile per restituire informazioni precise sullo stato generale del fisico, monitorare il livello di glucosio nel sangue e la circolazione di ossigeno. Implementare funzioni simili direttamente sull’orologio sarebbe un passo ulteriore verso la conferma dell’utilità di quest’ultimo in campo medico.

 

Peraltro nel complicato mondo dei wearable, ad avere successo sono proprio i device dedicati all’healthcare: Fitbit, Garmin e Xiaomi tra tutti. Arrivati a questo punto, in un contesto che necessita di un deciso cambio di passo, introdurre una novità a livello hardware pare l’unica via percorribile per staccare la concorrenza e permettere all’Apple Watch di porsi come smartwatch di riferimento in un mercato che è ancora di nicchia.

Paolo Longo

Tech Journalist, responsabile tecnico/editoriale della sezione Tech Lab #Digital4Trade, appassionato di BritPop e dei fratelli Gallagher

Faremo l’elettrocardiogramma con l’Apple Watch

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *