Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Mondo Apple

Ecco come sarà il nuovo MacBook Pro 2016

di Paolo Longo

24 Ott 2016

Processore Skylake, SSD da 2TB e adattatore Magsafe in formato USB di Tipo-C. Tute le indiscrezioni sul prossimo notebook della Mela

Manca davvero poco al lancio, il 27 ottobre, dei nuovi prodotti Apple in ambito computer. Archiviato il reparto smartphone, si passa a quello desktop e notebook, con un’attesa rinfrescata in tanti settori. Quello di maggiore interesse riguarda proprio i portatili, contesto in cui la Mela deve recuperare un bel po’, soprattutto negli USA dove le vendite dei Chromebook vanno a gonfie vele, tanto da superare proprio il concorrente di Cupertino. In quasi due anni (dal lancio del MacBook Pro all’inizio 2015) Apple ha presentato solo il più recente MacBook con spessore ridotto e nuova colorazione, non in grado però di comptere a livello prestazionale con le iterazioni più spinte. All’orizzonte ci sono dunque i nuovi device, destinati a spostare più in là il confine di design e performance in mobilità.

Le indiscrezioni

Come accade prima di ogni evento Apple, sul web cominciano a diffondersi insistenti indiscrezioni su come sarà il nuovo MacBook Pro 2016. Le più ricorrenti parlano di un processore Skylake di 6a generazione al quale dovrebbe essere accostato un SSD con capacità fino a 2TB. Sul piano più prettamente funzionale, ecco un ForceTouch migliore dotato anche di Touch ID, per il riconoscimento delle impronte degli utenti. Ma non solo: spariranno per sempre le classiche porte USB in favore delle USB di Tipo-C, che rimpiazzerà anche l’ingresso di ricarica, per il quale è previsto un adattatore da Magsafe a USB Type-C. Resta da capire cosa ci sia di vero intorno alla “Magic Toolbar”, il pannello OLED che andrebbe a sosituire la prima riga di tasti fisici sulla tastiera (quella con i comandi e l’accesso al multimedia) attraverso un display interattivo e, probabilmente, sensibile al tocco. Ne sapremo di più tra qualche giorno.

Paolo Longo

Tech Journalist, responsabile tecnico/editoriale della sezione Tech Lab #Digital4Trade, appassionato di BritPop e dei fratelli Gallagher