Così l'Intelligenza artificiale sta conquistando il mercato. I numeri, i casi concreti | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Nuovi trend

Così l’Intelligenza artificiale sta conquistando il mercato. I numeri, i casi concreti

di Gianluigi Torchiani

07 Apr 2017

Il settore, principalmente sviluppato negli Usa, concluderà il 2017 con un giro d’affari di 12,5 miliardi di euro. E continuerà a crescere a ritmi importanti anche negli anni successivi

Altro che settore in fase embrionale e in via di sviluppo: secondo l’ultimo report appena diffuso da IDC, il mercato dell’intelligenza artificiale e cognitiva è destinato a raggiungere un giro d’affari di ben 12,5 miliardi di dollari già nel 2017, per un incremento del 59,3% rispetto al 2016. E non si tratta che del primo scalino: il settore continuerà a mantenere questa velocità di crescita fino al 2020, quando i ricavi sorpasseranno quota 46 miliardi di dollari, per effetto degli aumentati investimenti delle imprese. Secondo IDC, infatti, l’intelligenza artificiale sta rapidamente diventando una parte fondamentale dell’infrastruttura IT aziendale, dunque tutte le aziende hanno bisogno di capire come pianificare l’adozione e l’utilizzo di queste tecnologie nelle loro organizzazioni. Nel 2017 la quota maggiore del business (4,5 miliardi di dollari) sarà appannaggio delle applicazioni cognitive, vale a dire quelle soluzioni diffuse nel mondo industriale, dotate di funzionalità di apprendimento automatico e capaci di formulare raccomandazioni o previsioni.

I veri e propri software per l’intelligenza artificiale, che forniscono gli strumenti e le tecnologie per analizzare, organizzare, accedere e fornire servizi di consulenza sulla base di informazioni strutturate e non strutturate, vedranno investimenti per quasi 2,5 miliardi di dollari. Per quanto riguarda i mercati verticali, l’intelligenza artificiale dovrebbe crescere a doppia cifra in tutti i comparti, anche se ovviamente ci sono dei settori che andranno meglio di altri. Attualmente un quarto della spesa è legata al mondo finance e alle assicurazioni, ma nei prossimi anni è previsto un grosso progresso anche per la pubblica sicurezza, la sanità e il retail.

Su base geografica, gli Stati Uniti sono oggi di gran lunga il più grande mercato per l’intelligenza artificiale, con 9,7 miliardi di dollari su 12,5. Molto lontana, alle spalle c’è la regione EMEA, ma nel 2020 la seconda piazza sarà appannaggio della regione Asia-Pacifico, per merito soprattutto dello scatto del Giappone (che conoscerà un progresso annuo del + 107% ). Nonostante il dominio Usa sul mercato, anche in Italia le esperienze positive non mancano: ad esempio, come racconta Economy Up, il Vodafone Bot che sul Messenger di Facebook da gennaio risponde ai clienti, che ha persino ricevuto un premio dal Club CMMC come uno dei migliori programmi di Customer Experience Management.

I numeri della ricerca IDC non sono certo isolati: secondo quasi tutti gli analisti, l’intelligenza artificiale rappresenta un mercato destinato a crescere in maniera considerevole nei prossimi anni. Ad esempio, secondo un sondaggio condotto dalla prestigiosa rivista The Economist su 200 executives, ben il 75% prevede che l’intelligenza artificiale sarà implementata attivamente nella propria organizzazione entro il triennio successivo.

  • arrow_upward
  • arrow_downward
  • share
    60 Share
Gianluigi Torchiani

Cagliaritano trapiantato a Milano, in dieci anni ha scritto di qualsiasi argomento. Papà, un passato in canoa olimpica e un presente nel calcetto. Patito di classic rock. Redattore #Digital4Trade