Cos'è Microsoft Project Zanzibar | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Innovazione

Cos’è Microsoft Project Zanzibar

di Paolo Longo

11 Apr 2018

Un tappetino magico trasforma in bit qualunque cosa si poggi sopra. Per ora è solo un esperimento che apre a nuovi scenari di utilizzo

Sembra uscito direttamente dalla saga di Harry Potter e forse un po’ è così visto che Project Zanzibar nasce a Londra, patria del maghetto con gli occhiali. Microsoft cerca da tempo di mischiare il mondo fisico con quello digitale, raggiungendo un buon compromesso con i suoi Hololens e la piattaforma Windows Mixed Reality. Project Zanzibar segue un filone simile ma con una teorica platea di interesse maggiore. Si tratta di un tappetino dotato di NFC e di una serie di sensori che, quando si poggia qualcosa sulla superficie, rilevano la presenza degli oggetti e li rappresentano digitalmente su un computer o dispositivo connesso.

La tecnica è molto simile a quella di giochi aumentati come Skylander e Lego Dimensions ma con una particolarità. Laddove c’è bisogno di action figures e oggetti costruiti ad-hoc, qui qualsiasi personaggio o artefatto fisico ha il potere di interagire con il tappetino, a patto che abbia un adesivo NFC sul bordo. Al momento ci sono pochi dettagli di Project Zanzibar ma la società dovrebbe presentarlo all’appuntamento di ACM CHI che si terrà a Montreal a fine aprile.

 

La destinazione più probabile del progetto, che è attualmente chiuso nei laboratori inglesi di Microsoft, è quella educational ma è chiaro che gli ambiti di utilizzo sono diversi. Dalla formazione scolastica all’intrattenimento casalingo ma anche test e percorsi di business magari integrati con la stampa 3D (pensiamo ai prototipi reali inseriti in uno scenario digitale e viceversa). Il punto è: Project Zanzibar vedrà mai la luce? Qualche settimana di attesa e lo sapremo.

  • arrow_upward
  • arrow_downward
  • share
    28 Share
Paolo Longo

Tech Journalist, responsabile tecnico/editoriale della sezione Tech Lab #Digital4Trade, appassionato di BritPop e dei fratelli Gallagher