«Via alla rete in franchising, il go to market ora è completo», Colt apre un nuovo canale | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Go to market

«Via alla rete in franchising, il go to market ora è completo», Colt apre un nuovo canale

di Marco Maria Lorusso

28 Mag 2014

I rivenditori a valore, gli agenti, i distributori e ora una rete ad hoc di franchisee molto radicati sul territorio, con il mandato preciso di proporre la vendita esclusiva di soluzioni Colt in co-branding. La voce di Davide Suppia Sales & Marketing Director e l’accordo con BM Solutions, del Gruppo Bellucci

Costruire la migliore strategia, la migliore filiera possibile sulla base delle esigenze della clientela, delle caratteristiche delle soluzioni e dei progetti da sviluppare. Un disegno articolato, ad alto tasso di valore aggiunto, un disegno che da tempo è nel cuore e nella testa di una società come Colt e in particolare della divisione CCS (Colt Communication Services).

«L’obiettivo è quello di sviluppare i migliori canali di vendita sulla base delle soluzioni, dei servizi da proporre e della capacità di confrontarsi, ascoltare, supportare i clienti – conferma Davide Suppia Sales & Marketing Director – . Per questo da tempo Colt approccia il mercato tramite una rete di agenti, che vendono tutti i prodotti Colt utilizzando le nostre strutture di supporto, progettazione, fatturazione, assistenza; un canale ad hoc di rivenditori a valore, che hanno il compito di offrire i nostri servizi Cloud e ancora con una rete di distributori che hanno il compito di fornire ai rivenditori la nostra soluzione Infrastructure as a Service».

Tre canali ai quali ora si aggiunge un nuovo e fondamentale tassello.

Si completa infatti il puzzle del go to market di Colt  divisione CCS (Colt Communication Services) con una rete in franchising destinata a supportare la società in maniera ancora più ampia e strategica.

«La “formula” del franchising è parte della strategia distributiva di Colt e nasce per proporre la vendita esclusiva di soluzioni Colt in co-branding, garantendo la competenza di Colt sul mercato e l’esperienza offerta dal partner nell’integrazione dei servizi di comunicazione per le aziende – racconta Suppia -. L’obiettivo dichiarato è quello di raggruppare una squadra di rivenditori ad alto valore, con capacità di supporto, integrazione e gestione completa della Information Delivery Platform di Colt».

Una piattaforma di servizi completa i cui cuori pulsanti sono la rete di Data Center costruita sul territorio, 20 strutture volutamente sviluppate per supportare il business a livello locale, e la rete proprietaria in fibra ottica. «Una completezza di offerta che permette al franchisee di presentarsi ad una fascia di clientela medio alta come unico provider di una gamma estremamente completa di servizi: soluzioni Dati & Networking basate su Ethernet, IP VPN, IP Access e un’ampia gamma di servizi di Cloud innovativi, flessibili e scalabili, quali server virtuali, file sharing con Soonr, Hosted Exchange, Lync… Una piattaforma di servizi cloud che può essere proposta ed estesa dal franchisee anche al canale ICT e TLC, creando di fatto un ecosistema di grande interesse sul territorio».

«Si tratta – racconta ancora Suppia – di una opportunità molto importante per società che non cercano effetti speciali ma un partner come Colt che, di fatto, ha un valore, una focalizzazione e una qualità tecnologica con pochi paragoni. Non siamo per tutti, ma sicuramente siamo per quelle società serie che danno al valore un senso molto concreto fatto di capacità progettuali, supporto, servizi e anche di abilità nell’integrare le nostre soluzioni con componenti hardware e software in maniera tattica e puntuale»

 

L’accordo con BM Solutions

Detto fatto, tra le prime a scendere in campo lungo la nuova filiera disegnata da Colt è stata BM Solutions, del Gruppo Bellucci, realtà torinese con 50 anni di storia.

Grazie all’accordo di collaborazione appena firmato infatti, BM Solutions, spiega un comunicato, può dunque disporre della piattaforma tecnologica di Colt che coniuga infrastruttura di rete, servizi IT ed elevate competenze nelle soluzioni per la comunicazione, rispondendo così in modo ancora più completo alle esigenze dei propri clienti con un portafoglio di soluzioni basate su tecnologie innovative, affidabili e performanti.

In base all’accordo, BM Solutions mantiene il contatto diretto con i clienti finali, comprese tutte le attività di gestione delle relazioni, di supporto e di fatturazione, mentre Colt beneficia delle competenze e della vicinanza del franchisee alle aziende sul territorio.

Allo stesso tempo, Colt potrà beneficiare della presenza commerciale e della competenza del franchisee nel suo mercato per raggiungere un pubblico di clienti più vasto con i propri servizi. BM Solutions avrà a disposizione un programma completo di formazione, risorse e assistenza per tutti i prodotti e servizi disponibili, oltre al supporto marketing e di prevendita da parte del personale qualificato di Colt.

Nata a Torino nel 1966 come azienda specializzata nell’offerta di soluzioni per ufficio, Bellucci è cresciuta negli anni, diventando nel 2004 Società per Azioni, e dando vita ad un Gruppo con nuove società, quali la Bellucci Consulting nel 2005, e più di recente alla BM Solutions.

«L’accordo stipulato con Colt – spiega Benedetto Bellucci Presidente di BM Solutions, azienda del Gruppo Bellucci – ci permette di proporre ai nostri clienti soluzioni sempre più complete e in linea con le loro richieste e di supportare le aziende nei loro processi decisionali in tema di telecomunicazioni, sistemi informativi e soluzioni Cloud. Grazie a questa partnership potremo offrire un catalogo completo di servizi di qualità, sicuri e affidabili, basati su tecnologie innovative e performanti».

Per la cronaca In Europa Colt ha già reclutato franchisee anche nel Regno Unito, in Francia, Spagna, Belgio e Germania, e ha l’obiettivo di completare il programma nel resto d’Europa entro la fine del 2014, arrivando ad avere dai tre ai cinque nuovi partner in ognuno dei principali mercati europei.

 

 

 

Marco Maria Lorusso

Servitore della penna, la fatica come vocazione. Pugile e Medievalista mancato. Divoratore di BritPop e Dylan Dog, papà di Gaia Maria e Riccardo. Direttore Responsabile #Digital4Trade #Sergente