Una task force per l'integrazione Dell-Emc | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

EMC WORLD 2016

Una task force per l’integrazione Dell-Emc

di Gianluigi Torchiani

04 Mag 2016

In stato avanzato, l’integrazione delle due società e del loro canale, aspetta ancora la risoluzione degli ultimi step per partire con programmi congiunti

Las Vegas – Roba non da poco integrare due colossi del calibro di Dell e Emc. Un “boccone” senz’altro gustoso, ma altrettanto grosso da digerire da parte dell’azienda di Michael Dell, il cui iter è iniziato già un anno fa, con l’annuncio a ottobre 2015, per proseguire poi a passi veloci, passando per tutte le tappe di approvazione degli Enti di controllo internazionali. Un team di collaborazione è stato creato, con a capo Rory Read, Chief Integration Officer di Dell e Howard Elias, President and Coo dei global enterprise services Dell-Emc Integration leader di Emc. Due referenti per i team ingaggiati per portare a quella che, abbiamo detto, si chiamerà, a lavori fatti, Dell-Emc, azienda federata all’interno di Dell Technologies, il cappello che racchiuderà Dell, Dell-Emc, Rsa. Vmware, Pivotal, SecureWorks e VirtuStream. Un processo che passa dall’identificazione dei razionali che sono alla base dell’integrazione, che puntano innanzitutto a sfruttare la complementarietà di prodotti e tecnologie delle due aziende e a creare un portfolio potenziato dalla combinazione delle 4 tecnologie in cui le due aziende sono riconosciute leader, ossia pc, server, storage e virtualizzazione.

E sfruttarle per posizionare la nuova azienda nelle aree a più rapida crescita per l’IT di prossima generazione. Importante è la complementarietà dei target coperti da Dell e Emc, da sfruttare per poter potenziare gli elementi distintivi, anche nel go-to-market, che vede la prima detenere una relazione profonda e di lungo termine con il mercato SMB, mentre la seconda si conferma essere leader di mercato con un’alta credibilità tra i clienti di livello enterprise. Una distinzione che si conferma anche nell’esperienza e attitudini dei rispettivi canali dei partner, sulla cui esperienza il management impegnato nell’integrazione fa fede. Il percorso, dicevamo, è iniziato a ottobre 2015 con l’annuncio dell’acquisizione, che nel frattempo ha avuto l’approvazione EU, della Federal Trade Commission e che ora sta attendendo ulteriori approvazioni da parte degli enti cinesi. Da ottobre di quest’anno, concluse tutte le operazioni, si parte poi in quarta con le concrete attività di integrazione sul mercato e del canale.

Gianluigi Torchiani

Cagliaritano trapiantato a Milano, in dieci anni ha scritto di qualsiasi argomento. Papà, un passato in canoa olimpica e un presente nel calcetto. Patito di classic rock. Redattore #Digital4Trade