Teleion guarda alla sicurezza del mondo open source | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Distribuzione

Teleion guarda alla sicurezza del mondo open source

di Gianluigi Torchiani

27 Mag 2016

Il distributore torinese inserirà nel suo portafoglio le soluzioni Black Duck, che permette di risolvere i problemi legati alla vulnerabilità e alla compliance

Teleion guarda al mondo open source: il VAR torinese proporrà al mercato italiano il software e i servizi di Black Duck, società specializzata nella sicurezza e la compliance del software “libero”. Una scelta derivata dal continuo incremento nell’utilizzo di Open Source nei progetti applicativi, che impone alle aziende di adottare appropriate misure di sicurezza per evitare di essere a rischio di attacco. La stima è che ogni anno vengono rese note oltre 3.000 nuove vulnerabilità riferite all’Open Source: per i responsabili della sicurezza è dunque fondamentale sapere se in azienda ci sono applicazioni coinvolte dalle nuove vulnerabilità individuate.

In quest’ottica le best practice di sicurezza richiedono non solo di utilizzare codice Open Source sicuro durante la realizzazione dell’applicazione, ma anche di verificare se successivamente al rilascio sono state scoperte vulnerabilità. A tutto questo rispondono appunto le soluzioni Black Duck che, innanzitutto, mettono a disposizione dei clienti il più grande repository del mondo di codice Open Source, contenente informazioni relative a oltre un milione di progetti. Inoltre le nuove vulnerabilità individuate sono segnalate immediatamente, mentre le condizioni di licensing del codice open source usato, per non correre rischi di natura legale, sono chiaramente evidenziate.

«Inserire Black Duck nel ciclo di sviluppo software – sostiene Giovanni Molin Brosa, business development manager per Teleion – significa ridurre in modo significativo sia i rischi di sicurezza legati all’uso di codice OpenvSource, sia il rischio di non rispettare le condizioni di licenza». La partnership con Black Duck si affianca a quella già attiva da tempo con Checkmarx per la ricerca delle vulnerabilità nel codice sorgente e rientra nella strategia Teleion di proporsi sul mercato come partner per la sicurezza.

Gianluigi Torchiani

Cagliaritano trapiantato a Milano, in dieci anni ha scritto di qualsiasi argomento. Papà, un passato in canoa olimpica e un presente nel calcetto. Patito di classic rock. Redattore #Digital4Trade