Sicurezza, le previsioni di CA per il 2016 | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Previsioni

Sicurezza, le previsioni di CA per il 2016

di Gianluigi Torchiani

15 Gen 2016

Data la crescente diffusione degli strumenti di attacco del cybercrime, il tema dell’identità è destinato a imporsi come centrale, in fase di difesa ma non solo

Il 2015, come noto, è stato un anno segnato da alcune gravissime violazioni dei dati, che hanno messo a rischio la sicurezza delle aziende e non solo. Per il 2016, secondo le previsioni di CA Technologies, sono cinque i principali trend che dovrebbero emergere nell’ambito della sicurezza IT. Innanzitutto, i servizi legati alle identità digitali saranno utilizzati da un numero di utenti aziendali sempre maggiore. Le imprese dovranno perciò lavorare al miglioramento della user experience, in modo da renderla più intuitiva e orientata al business, ma anche per ottenere una riduzione dei rischi. In secondo luogo l’aspettativa è quello di un ulteriore aumento delle aree aziendali esposte a possibili attacchi, con il rischio che le ripercussioni di un’azione andata a buon fine vadano ben oltre i danni finanziari. Senza contare che la maggiore dipendenza rispetto alle metodologie DevOps / Agile e alle tecnologie virtuali / cloud spingerà il cybercrime a sfruttare nuovi vettori d’attacco.

Da un punto di vista delle difese il tema centrale resta sempre quello dell’identità: poiché le password d’autenticazione sono sempre meno efficaci, le aziende si affideranno a funzionalità basate sull’analisi del rischio per proteggere siti web e applicazioni mobile. Inoltre nel 2016, con il crescere dell’importanza strategica delle funzioni di gestione delle identità e degli accessi per l’azienda, si avvertirà una maggiore richiesta di competenze in materia.

Anche uno dei grandi trend tecnologici del momento, quello dell’Internet delle Cose, graviterà sempre più attorno al tema dell’identità, tanto che secondo CA si potrà attribuire all’acronimo IoT (“Internet of Things”) il secondo significato di “Identity of Things”. Infatti, poiché le informazioni circolano su Internet e vengono memorizzate su dispositivi IoT, questi ultimi vanno verificati e validati esattamente come succede con l’utente.

Gianluigi Torchiani

Cagliaritano trapiantato a Milano, in dieci anni ha scritto di qualsiasi argomento. Papà, un passato in canoa olimpica e un presente nel calcetto. Patito di classic rock. Redattore #Digital4Trade