Si-Net porta flessibilità agli studi professionali | Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

VIDEOINTERVISTA

Si-Net porta flessibilità agli studi professionali

di Gianluigi Torchiani

07 Gen 2016

Cloud e applicativi sono entrati nell’offerta del system integrator. Grazie anche alla stretta collaborazione con il distributore Esprinet e il vendor Microsoft

La rivoluzione digitale è sbarcata anche nel mondo degli studi professionali e il canale IT di riferimento ha dovuto adeguarsi. Ne è un esempio la vicenda di Si-Net, società nata nel 1992 e da allora attiva in questo settore. Come racconta Fausto Turco, Ceo di Si-Net, «Siamo da sempre rivenditori e partner di supporto di Sistemi, brand di riferimento per questo mondo. Da rilevare che gli studi professionali hanno spesso bisogno di rapportarsi con un unico interlocutore, capace di offrire non solo i gestionali, ma anche hardware e altri applicativi. Così abbiamo progressivamente allargato le nostre competenze anche a questi ambiti, cercando di abbracciare il mondo Microsoft, ambiente su cui lavorano tutti gli applicativi. Il nostro trend è sempre stato di crescita, il fatto di seguire i professionisti ci ha portato ad approcciare in una fase successiva anche il mercato delle Pmi, consentendoci così di allargare le nostre vedute e competenze».

Il mutamento che interessa anche la clientela di riferimento: «Abbiamo assistito a un cambiamento generazionale negli studi, i professionisti più giovani sono infatti maggiormente disponibili a investire nelle nuove tecnologie. Il nostro fatturato si è così differenziato totalmente rispetto all’inizio degli anni Duemila, quando l’80% era legato al mondo dell’hardware e la restante parte ai servizi. Ora, infatti, queste percentuali si sono invertite», spiega Turco.

Un investimento importante, in quest’ottica, è stato quello sul cloud: «Il cloud è stato un’esigenza, una sfida che parte dalla necessità degli studi stessi di lavorare da più sedi e da remoto, oltre che dalla stessa aggregazione di più studi sparsi sul territorio nazionale. il cloud è dunque diventato quasi un obbligo, visti anche i costi rilevanti d’infrastruttura. Per noi il mercato cloud è sia applicativo che software. Office 365, in particolare, è stato una grande spinta ed ha sicuramente cambiato il nostro modello di proposizione e di competenze interne. Non è stato facile, perché bisogna abbandonare la vecchia strada e il modello tradizionale, però la strada per noi è segnata. Dunque credo che nel prossimo futuro la maggioranza del nostro fatturato sarà legata agli applicativi e ai servizi», spiega il Ceo di Si-Net.

Una trasformazione di questo genere necessita anche del necessario supporto: «Microsoft ed Esprinet sono stati due supporti importanti da un punto di vista tecnico e di progettazione, ma anche di rivendita. Abbiamo trovato collaborazione in Esprinet anche per quelle situazioni di complesse progettualità dove è difficile camminare con le proprie gambe. Ritengo indispensabile che si crei questo rapporto a tre con distributori e produttori, da soli noi system integrator non riusciamo spesso a intercettare tutte le potenzialità del cloud», conclude Turco.

Gianluigi Torchiani

Cagliaritano trapiantato a Milano, in dieci anni ha scritto di qualsiasi argomento. Papà, un passato in canoa olimpica e un presente nel calcetto. Patito di classic rock. Redattore #Digital4Trade

Si-Net porta flessibilità agli studi professionali

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *