Partner e vendor, ecco le priorità di business per il 2016 | Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Interventi

Partner e vendor, ecco le priorità di business per il 2016

di Gianluigi Torchiani

22 Dic 2015

Formazione, interoperabilità, cloud ibrido e impegno per il budget. Sono questi i quattro fronti su cui occorre lavorare, consiglia Frank Basinski, Director Partner Programs & Enablement di Red Hat EMEA

Con la continua evoluzione delle tecnologie IT a supporto dell’inevitabile trasformazione digitale, il 2015 si è rivelato un anno ricco di cambiamenti significativi sul mercato, guidati soprattutto dai clienti stessi. Nel corso dell’anno passato, le tecnologie chiamate a cambiare il mondo del business – Cloud, Big Data e Mobility – hanno iniziato a maturare. Si tratta di un trend che continuerà nel 2016, e le aziende che non saranno in grado di fornire o supportare queste tecnologie correranno il rischi concreto di restare indietro. E quindi, a che cosa dovranno fare attenzione nel corso del 2016 sia i partner di canale che i relativi vendor? Cosa dovranno considerare tra le loro priorità?

1) Training, training e ancora training

I partner hanno bisogno di formazione e i vendor devono assicurarsi di offrire il tipo di formazione necessaria a mettere i partner in una posizione di fiducia e di vantaggio competitivo. I partner devono prendere decisioni cruciali – specializzarsi su un’area particolare o offrire un portfolio più ampio? I partner che decidono di attendere potrebbero trovarsi presto in una situazione difficile rispetto ai loro concorrenti – solution provider o system integrator – che puntano a superarli. Qualsiasi cosa decidano di fare, devono sapere che i vendor con cui lavorano offrono il training di cui hanno bisogno. Nei primi sei mesi dell’attuale anno fiscale, solo nell’area EMEA, Red Hat ha formato e certificato oltre 1000 partner sulle sue tecnologie. Oltre a ciò, Red Hat ha implementato un modello per i partner che dà loro accesso a tutto il training di cui necessitano, in forma gratuita, in modo da poter continuare ad offrire la massima qualità di servizio ai clienti finali.

2) Interoperabilità e integrazione

L’importanza di questi elementi verso i clienti non viene mai sottolineata a sufficienza, e prevediamo che le alleanze strategiche giochino un ruolo importante nella direzione complessiva del mercato nel corso del prossimo anno. Nella sostanza, ai clienti finali interessano entrambi gli aspetti, necessari per semplificare i loro piani di trasformazione digitale. Questo elimina un punto interrogativo importante dalle strategie di trasformazione dei clienti, e rappresenta una grande opportunità di business ormai riconosciuta in modo unanime per i system integrator.

3) Hybrid cloud come elemento portante

Il programma Certified Cloud and Service Provider di Red Hat è nato considerando il passaggio graduale dal locale al cloud, a garanzia del fatto che i nostri partner fossero posizionati al meglio per realizzare progetti per i loro clienti. Se non tutte le organizzazioni intendono passare interamente al cloud, vedremo una sempre più marcata adozione dell’hybrid cloud, con le realtà impegnate in questo passo intenzionate a farlo in tempi brevi, cosa che avrà un ruolo importante negli investimenti di business del 2016.

4) Lottare per il budget

L’IT si troverà sempre più spesso a disputarsi i budget tecnologici con i responsabili di altre line di business all’interno delle organizzazioni. Con il digital che gioca un ruolo sempre più importante nelle strategie aziendali, i team IT devono avere la flessibilità di poter integrare soluzioni nuove e complesse in modo veloce, esteso e affidabile. Per questo motivo, vediamo già partner con competenze complementari tra loro che si impegnano in collaborazioni strategiche, mettendosi così nella posizione di poter offrire ai clienti finali esattamente quello di cui hanno bisogno. Un esempio concreto di ciò arriva dal Regno Unito, con tre partner – LinuxIT, Softcat e Tier 2 Consulting – uniti nel progetto ‘I tre Moschettieri,’ capaci di integrare le rispettive competenze su progetti dedicati ai clienti su Red Hat Enterprise Linux e Red Hat Mobile Application Platform.

Avere chiare quali sono le risorse necessarie è tanto importante quanto avere accesso a loro, e i partner capaci di ascoltare il mercato avranno una visione molto più chiara dei motivi che spingono molti clienti a pianificare, o addirittura ad avviare, un progetto di trasformazione delle loro metodologie IT e di business. Adattabilità e flessibilità giocano un ruolo importante nelle scelte di investimento dei clienti finali, ed è questo il motivo per cui le tecnologie trasformative stanno diventando il cuore delle attività orientate al futuro di molte aziende.

Gianluigi Torchiani

Cagliaritano trapiantato a Milano, in dieci anni ha scritto di qualsiasi argomento. Papà, un passato in canoa olimpica e un presente nel calcetto. Patito di classic rock. Redattore #Digital4Trade

Partner e vendor, ecco le priorità di business per il 2016

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *