Nel 2016 la difesa dal cybercrime passerà più dalle persone che dalle tecnologie | Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Security

Nel 2016 la difesa dal cybercrime passerà più dalle persone che dalle tecnologie

di Gianluigi Torchiani

14 Dic 2015

I mutamenti in atto riguardano anche il canale di vendita: Arbor Networks si attende una maggiore concentrazione, con molti piccoli rivenditori che saranno acquisiti da operatori di maggiori dimensioni

Per difendersi dalle crescenti minacce del cybercrime, più che le tecnologie saranno importanti le persone e le loro competenze. È quanto prevede per il 2016 un report appena rilasciato da Arbor Networks, la divisione sicurezza di Netscout. Il punto di partenza non è certo dei più confortanti: infatti, la tendenza non è certo quello di una diminuzione della complessità dei cyberattacchi, né della capacità di chi li sferra. Piuttosto nel 2016, secondo Dan Holden, Director di ASERT in Arbor Networks, occorre aspettarsi una crescita degli attacchi informatici geopolitici, che cresceranno in frequenza e complessità. Inoltre, la gravità e il numero delle campagne di cyber-crime che fanno uso di dati personali da rivendere sarà in continuo aumento.

Lo scopo sarà quello di riutilizzare tali dati per accedere attraverso i singoli dipendenti al patrimonio informativo delle aziende. Tanto che l’esperto di Arbor si spinge a dire che il ruolo del dipendente nella protezione dei dati aziendali diventerà sempre più evidente nel 2016. Allo stato attuale, infatti, uno dei problemi principali è l’incapacità di assumere personale con le giuste competenze richieste. Spesso, anche inavvertitamente, il comportamento poco consono di un singolo dipendente può diventare il punto debole di un’intera azienda. Dunque il lavoro di formazione dovrebbe diventare più che un semplice investimento. Insomma, per cambiare le cose le aziende devono dipendere meno dalla tecnologia per potersi difendere e sfruttare meglio le loro risorse dedicate più importanti, le persone.

È inoltre essenziale usare la rete come punto panoramico per raccogliere informazioni sul traffico e sulle attività sospette per poi visualizzarle. Il processo di esplorazione di queste informazioni, se implementato correttamente, risulta infatti determinante per gli esperti di sicurezza. I mutamenti in atto nel mondo della sicurezza impatteranno, naturalmente, anche sul canale informatico. Che secondo Richard Brown, Director EMEA Channels & Alliances in Arbor Networks, dopo la quantità di attacchi che si sono verificati nel 2015, sarà chiamato a prendere più sul serio il tema della sicurezza. Chi non ne avrà la voglia o le risorse rischia infatti di uscire di scena: non a caso la tendenza del 2016 sarà quella di una maggiore concentrazione, con molti piccoli rivenditori di sicurezza specializzati che saranno acquisiti da operatori più grandi, maggiormente in grado di dedicare risorse a questo comparto.

Gianluigi Torchiani

Cagliaritano trapiantato a Milano, in dieci anni ha scritto di qualsiasi argomento. Papà, un passato in canoa olimpica e un presente nel calcetto. Patito di classic rock. Redattore #Digital4Trade

Nel 2016 la difesa dal cybercrime passerà più dalle persone che dalle tecnologie

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *