Le nuove frontiere della Business Analytics | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Analisi

Le nuove frontiere della Business Analytics

di Redazione #Digital4Trade

02 Feb 2013

Il mondo della business intelligence e delle applicazioni analitiche dovrà adeguarsi nei prossimi anni all’emergere di nuove fonti e tipologie di dati. Prenderanno piede nuovi operatori e fornitori di nicchia che integreranno nelle proprie soluzioni altre tecnologie, come Hadoop. L’analisi di Gartner Group

Applicazioni analitiche e business intelligence dovranno o essere potenziate nei prossimi anni per supportare una enorme crescita delle fonti di dati. Questa è la predizione degli analisti di Gartner, secondo cui i responsabili aziendali della business intelligence e gli operatori si troveranno molto presto a dover fare i conti con una gamma più vasta di informazioni utili al business aziendale.

Le esigenze decisionali delle aziende utenti richiedono oggi una maggiore accuratezza rispetto al passato, raggiungibile soltanto con la trasformazione di una maggiore quantità di dati in elementi utili – spiegano gli analisti di Gartner -.

Un compito che potrà essere realizzato soltanto attingendo a nuove fonti di informazione non solo interne ma anche esterne all’organizzazione.

Assisteremo a un fenomeno imprevisto, quale l’emersione – in un campo decisamente maturo e consolidato quale la Business Analytics – di nuovi fornitori di nicchia e tecnologici in grado di fornire strumenti per sfruttare le basi di informazioni che oggi non sono accessibili, per poter prendere decisioni strategiche e operative in modo più rapido ed efficace.


Le previsioni per i prossimi anni
Sul tema dell’evoluzione della Business Analytics e della Business Intelligence nei prossimi anni, Gartner azzarda alcune previsioni che potranno essere utili sia agli utilizzatori sia ai fornitori di soluzioni e servizi.

Entro il 2015, il 65% delle applicazioni analitiche più avanzate saranno dotate al loro interno della tecnologia open source di Hadoop.

Il mercato ha infatti riconosciuto la validità di questo strumento per aggiungere capacità di analisi Big Data ai prodotti, in particolar modo quando si è in presenza di dati poco strutturati, testi, dati comportamentali o c’è l’esigenza di fare interrogazioni in tempi contenuti.

Mentre i reparti IT saranno impegnati nei prossimi anni per capire come usare Hadoop per migliorare le capacità complessive dei loto database management system (DBMS), i fornitori di applicazioni integreranno per scopi ben definiti le capacità di analisi Hadoop nei loro package.

Secondo Gartner questo trend risulterà più visibile nelle applicazioni basate su cloud ed è destinato a durare nel tempo.


L’importanza delle informazioni non strutturate
Entro il prossimo 2015, oltre il 30% dei progetti analitici dovranno offrire risultati utili a partire sia da informazioni strutturate sia non strutturate.

La Business Analytics, che per tanto tempo si è concentrata su tool, tecnologie e approcci per accedere, gestire, memorizzare, modellare e ottimizzare per l’analisi dati strutturati, dovrà quindi necessariamente cambiare per adattarsi a nuove sorgenti di dati.

E questo offrirà un potenziale molto elevato rispetto al passato


Verso l’uso di interfacce con linguaggio naturale
Dal 2016, Gartner prevede che il 70% dei principali fornitori di business intelligence avranno integrato capacità di riconoscimento del linguaggio naturale e della parola nei loro prodotti.

Mentre oggi le funzioni basate sul linguaggio e sul riconoscimento della voce sono rare, la corsa per portare le applicazioni esistenti su piattaforme mobili e tablet richiederà ai fornitori una maggiore attenzione a queste capacità oltre che alle nuove interfacce touch-based.

Nei prossimi anni i fornitori di Business Intelligence potrebbero dover fare i conti con il nascente mercato dei personal assistant virtuali.

All’inizio saranno abilitate funzioni e comandi vocali, associati a sistemi di elaborazione del linguaggio parlato e del testo scritto per tradurlo in interrogazioni SQL.

Successivamente questi strumenti potranno evolvere in veri e propri assistenti analitici personali in grado di comprendere il contesto di una conversazione, e adirittura di sostenerla.

Redazione #Digital4Trade

Profilo ufficiale della redazione di Digital4Trade