iNebula contribuisce alla nascita della smart city di Milano | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Iniziative

iNebula contribuisce alla nascita della smart city di Milano

di Gianluigi Torchiani

10 Feb 2016

L’azienda del Gruppo Itway ha aderito all’iniziativa The Things Network per implementare un’infrastruttura di smart city nel capoluogo lombardo, che permetterà di offrire ai cittadini e alle aziende dei servizi a valore aggiunto

Ampliare un’infrastruttura di smart city a Milano; è l’impegno di iNebula, società del Gruppo Itway che ha deciso di aderire all’iniziativa The Things Network contribuendo con un gateway installato nella sua sede di Milano e con la gestione dei dati per mezzo della piattaforma iNebula Connect. Si tratta dell’inizio di un percorso per creare un’infrastruttura aperta, con la partecipazione di aziende e cittadini, che avrà lo scopo di offrire servizi a valore attraverso l’Internet of Things consentendo di avere in rete oggetti, applicazioni e dati per usufruire di maggiori servizi.

La rete The Things Network si fonda su una tecnologia a basso costo (LoraWAN) e permette ai sensori collegati a essa di dialogare fra loro senza Wi-Fi, 3G e abbonamenti a servizi mobile e Milano è la prima città in Italia ad aver avviato questo progetto. Nello specifico, la rete di The Things Network può, per esempio, monitorare la qualità dell’aria per rendere la mobilità più intelligente, ma anche controllare il bilancio energetico degli edifici pubblici e gestire l’illuminazione stradale.

«Non appena siamo venuti a conoscenza di The Things Network, in iNebula ci siamo attivati – ha commentato Giovanni Besozzi, Channel & Business Development Manager di iNebula -. Ci siamo fatti promotori dell’iniziativa sulla città di Milano mettendo a disposizione la piattaforma iNebula Connect e secondo i nostri calcoli, con meno di 10 gateway sarà possibile coprire l’intero territorio del comune. Fra rete, sensori, centrale di raccolta e piattaforma software, si tratta di un investimento contenuto, con potenzialità di sviluppo davvero notevoli».

Gianluigi Torchiani

Cagliaritano trapiantato a Milano, in dieci anni ha scritto di qualsiasi argomento. Papà, un passato in canoa olimpica e un presente nel calcetto. Patito di classic rock. Redattore #Digital4Trade