HPE Simplivity, l'iperconvergenza che si distingue | Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Intervista

HPE Simplivity, l’iperconvergenza che si distingue sul mercato

di Gianluigi Torchiani

14 Gen 2019

La soluzione di HPE assicura semplificazione, velocità e affidabilità. Con alcuni importanti plus distintivi per partner e utenti finali

L’iperconvergenza è uno dei trend principali dell’IT: la possibilità di unificare in un’unica soluzione storage, server e networking, infatti promette una semplificazione (anche in termini di risorse e costi) che incontra il favore di molte aziende utenti. Ma non tutte le offerte di iperconvergenza presenti sul mercato sono uguali: una delle più note è senza dubbio HPE Simplivity, che si caratterizza per essere un’infrastruttura semplice e al tempo stesso performante, capace di ottimizzare le prestazioni e i dati, eliminando i blocchi ridondati e con le basi adeguate per supportare i diversi carichi.

Simplivity: una soluzione 100% HPE

 

Gianluca Gamberoni, HPE Channel Business Developer

Come racconta a Digital4Trade Gianluca Gamberoni, HPE Channel Business Developer, «Quando parliamo di Simplivity bisogna sempre tenere a mente che ci riferiamo al mondo dell’iperconvergenza, ovvero a un panorama estremamente affollato, in cui ciascun vendor cerca di evidenziare i propri punti di forza. Un aspetto importante da prendere in considerazione al momento della scelta, sia per i partner che per gli utenti finali, è che – a differenza di quanto riesce a fare HPE con Simplivity – molti vendor di iperconvergenza si appoggiano ad hardware non proprietari, oppure ad architetture di virtualizzazione esterne su cui non possono garantire il supporto diretto. HPE Simplivity, al contrario, è supportata a 360 gradi da HPE, poiché tutto quello che costituisce l’applicazione, dall’hardware al software, è realizzato in casa. Questo significa che i partner interessati a Simplivity devono interfacciarsi unicamente con HPE, fattore che naturalmente costituisce anche una garanzia duratura nel tempo per i clienti».

 

Le caratteristiche tecniche di Simplivity

Ci sono poi alcune caratteristiche tecniche che consentono a Simplivity di distinguersi sul mercato e di portare reale valore aggiunto al mercato: a partire, come dice il nome stesso del prodotto, dalla semplicità. Con soli sette comandi che vengono aggiunti all’interno della soluzione di gestione della virtualizzazione, è possibile gestire l’intera infrastruttura convergente. Altro punto importante è la velocità, garantita anche dalla combinazione di hardware e software; Simplivity, incorpora sistemi di ottimizzazione dello spazio e di accesso al dato stesso gestite da un accelleratore hardware dedicato. Senza dimenticare la resilienza: con appena due nodi Simplivity riesce a garantire un ambiente ad alta affidabilità. Si tratta di un plus importante per i clienti finali, che possono così godere di risparmi economici significativi. Per finire, grazie alla sua peculiare architettura, partendo da un ambiente in produzione a 2 nodi, e’ sufficiente aggiungerne uno solo per avere un ambiente di disaster recovery semplice, performante, economico. Sul mercato italiano, la proposizione 2+1 e’ proprio quella che sta garantendo I maggiori successi e soddisfazione da parte dei clienti.

 

Il target di Simplivity: il mercato SMB ma non solo

«Il total cost of ownership che viene assicurato dalle soluzioni Simplivity è molto interessante perché è a 360 gradi. Si tratta di caratteristiche che Simplivity possiede da sempre, ma ultimamente c’è stata anche un’evoluzione, con una maggiore integrazione con le piattaforme HPE, a partire da OneView, così da favorire la gestione di ambienti multicloud», evidenzia Gamberoni. Tutto questo spiega il crescente successo che HPE Simplivity sta ottenendo sul mercato italiano, in particolare a seguito dell’acquisizione di HPE, avvenuta ormai due anni fa. «Sicuramente il mercato che più ha recepito e apprezzato Simplivity è stato quello SMB, perché ha permesso a queste aziende di effettuare un refresh tecnologico, sia a livello computazionale che di storage, con un approccio molto efficace sia a livello di semplicità di implementazione che dal punto di vista degli economics. Anche il segmento enterprise si è però rivelato interessato, specie per l’impiego di Simplivity nella gestione semplificata di ambienti dedicati. Il risultato è che quella che era prima percepita come una novità da testare e da studiare, oggi è considerata un’alternativa al classico server-storage-networking che è sempre stato portato sul mercato. I clienti, insomma, hanno molta più fiducia, anche perché stanno aumentando le storie di successo, che non sono più soltanto relative ad aziende americane, ma anche a realtà italiane tipiche del mercato SMB».

WEBCAST HPE Simplivity, l’iperconvergenza che si distingue sul mercato.  La soluzione di HPE assicura semplificazione, velocità e affidabilità. Con alcuni importanti plus distintivi per partner e utenti finali  GUARDA IL WEBCAST

Il ruolo di distributore e partner

Il distributore Tech Data svolge un importante lavoro di evangelizzazione nella diffusione di HPE Simplivity, ma non si limita soltanto a questo ruolo: «Il vantaggio che può portare un distributore come Tech Data è duplice: da una parte c’è l’aspetto della competenza, perché lavorando in stretta relazione con HPE c’è una condivisione di informazioni e di esperienze, che ha permette a Tech Data di posizionare le soluzioni di HPE Simplivity in completa autonomia, anche a livello di sizing. In secondo luogo, c’è la possibilità di rendere più facile l’accesso ai prodotti come HPE Simplivity a partner e clienti, che possono testare e toccare con mano i benefici della soluzione. L’aspetto della competenza sta rivestendo un ruolo sempre più importante anche per i reseller: se vogliono essere vincenti e differenziarsi dalla concorrenza, i partner devono essere capaci di portare valore al mercato. E sicuramente Simplivity è una soluzione a valore: laddove i partner sono riusciti a evidenziarne i vantaggi, hanno potuto proporla con efficacia sul mercato, fidelizzando anche i clienti», conclude Gamberoni.

Gianluigi Torchiani

Cagliaritano trapiantato a Milano, in dieci anni ha scritto di qualsiasi argomento. Papà, un passato in canoa olimpica e un presente nel calcetto. Patito di classic rock. Redattore #Digital4Trade

HPE Simplivity, l’iperconvergenza che si distingue sul mercato

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *