Esprinet-EDSlan, Casini (V-Valley): «Ecco come cambia il canale» Video | Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Voci esclusive

Esprinet-EDSlan, Casini (V-Valley): «Ecco come cambia il canale» Video

di Marco Maria Lorusso

11 Mar 2016

È stato l’annuncio più importante di questa primissima parte dell’anno sul canale ICT. Luca Casini, direttore commerciale di V-Valley ha concesso a Digital4Trade una intervista esclusiva per raccontare l’operazione e le novità in arrivo

Nei giorni scorsi l’annuncio dell’acquisizione di Edslan da parte di Esprinet ha catalizzato le attenzioni e i commenti degli operatori del mondo ICT. E non poteva essere altrimenti, data la portata dell’operazione. Ma quali saranno nel concreto le conseguenze per i rivenditori e, più, in generale, per l’intera filiera dell’IT? Digital4Trade ne ha parlato con Luca Casini, direttore commerciale di V-Valley, società dedicata alla distribuzione a valore in seno al Gruppo di Esprinet in cui confluirà EDSLan.

Quali sono gli obiettivi che vi siete posti con l’acquisizione di Edslan? L’acquisizione di Edslan ha un significato molto preciso: quello di confermare la volontà di leadership di Esprinet anche nel mercato delle soluzioni a valore. Siamo partiti nel 2011 con il progetto V-Valley; da allora abbiamo conseguito molti importanti risultati ma, soprattutto, abbiamo guadagnato la fiducia dei nostri rivenditori e vendor con le nostre competenze, mettendoci al servizio dei rivenditori per generare valore. Aiutandoli non solo a implementare soluzioni, ma anche a generare opportunità di vendita. In questo senso l’acquisizione di Edslan è molto importante perché ci consente di rafforzare la posizione di V-Valley ed Esprinet nell’ambito del data center, in particolare nell’area del Networking Unified Communication. Un ambito che ci sta molto a cuore, come dimostra il recente lancio del progetto Better Together.

Che tipo di integrazione ci sarà tra le due società?

Edslan è sicuramente una società di valore, che ha guadagnato la sua posizione sul mercato grazie a competenze specifiche e verticali molto importanti. In particolare, queste competenze si sono sviluppate non soltanto in ambito networking ma anche in aree come efficienza energetica, strumenti di misura, networking per installatori, centraline telefoniche e altro ancora. In sintesi, Edslan è in grado di parlare con un linguaggio specialistico anche a clienti che, attualmente, non si rivolgono a Esprinet. Di conseguenza, l’integrazione non può che essere di competenze, mantenendo quella che è l’identità di Edslan, il suo go to market e la sua capacità di generare valore. Sicuramente V-Valley si occuperà del mondo del data center (sia fisico che in cloud), ma Edslan continuerà a esistere in quanto Legal Entity dotata di proprie procedure e metriche per sviluppare il mercato caratteristico degli impiantisti.

Cosa cambia per i vostri rivenditori?

In realtà fino alla chiusura dell’operazione, prevista per aprile, non cambierà niente: da parte nostra ci sarà massimo rispetto per Edslan, ma sicuramente continueremo a battagliare sul mercato. Da lì in poi quello che potrà cambiare per i nostri partner sarà la possibilità di accedere a un portafoglio prodotti sempre più ampio. Mettere insieme Esprinet, V-Valley ed Edslan permette infatti al rivenditore di trovare in un unico gruppo tutte le soluzioni, dall’elettrodomestico, passando per il client, il mobile, le periferiche, il Data Center per arrivare al cablaggio strutturato, Ups, ecc, con competenze specializzate per ogni specifico mercato. Cercheremo comunque di parlare linguaggi adeguati a operatori diversi e a soluzioni diverse.

Con l’acquisizione, come cambia il panorama della distribuzione IT italiana?

Nella distribuzione IT italiana cambia forse qualche equilibrio, ma il cambiamento che ritengo più importante è sicuramente quello che avviene al nostro interno. Abbiamo la consapevolezza che possiamo garantire ai rivenditori e ai vendor servizi migliori, ancora più prodotti, ancora più clienti; in sintesi, l’accesso a maggiori opportunità per tutti coloro che vorranno dialogare con noi.

Marco Maria Lorusso

Servitore della penna, la fatica come vocazione. Pugile e Medievalista mancato. Divoratore di BritPop e Dylan Dog, papà di Gaia Maria e Riccardo. #Sergente