«Ecco come abbiamo rivoluzionato le nostre comunicazioni», Skype for business e il caso Esprinet | Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

VIDEOINTERVISTA

«Ecco come abbiamo rivoluzionato le nostre comunicazioni», Skype for business e il caso Esprinet

di Gianluigi Torchiani

05 Mag 2015

Il famoso distributore ha realizzato, grazie al contributo di Polycom, Microsoft, HP e Plantronics, un’avanzata piattaforma di collaboration, così da migliorare le proprie comunicazioni interne ed esterne. In questo esclusivo video reportage i tempi, lo sviluppo concreto, le complessità e le opportunità sperimentate, in prima persona, da una delle più importanti realtà del canale ICT di casa nostra

La comunicazione e la collaborazione sono fondamentali per il business e la piena operatività delle aziende. Una frase che tutti abbiamo sentito almeno una volta e che Esprinet, il noto distributore di soluzioni hardware e software, ha deciso di applicare concretamente su se stessa, attraverso un percorso che ha portato alla realizzazione di una avanzata piattaforma di collaboration. Un percorso di valore sfociato oggi nell’implementazione di Lync e Skype for Business. Come racconta Leonardo Ronchetti, network and security Technology manager di Esprinet, l’esigenza è nata dalla necessità di un migliore raccordo con la filiale spagnola del gruppo. È stato così adottato un sistema di chat interno, ossia il Live Communication server di Microsoft, con cui utenti si sono trovati bene sin dall’inizio. «In seguito abbiamo valutato che questo strumento potesse essere l’ideale per coordinare le attività dall’Italia verso la Spagna. Soprattutto per creare dei gruppi di lavoro che superassero il problema della telefonata, permettendo di fare una chat, una videochat e di condividere dei documenti, ecc. Il grande passaggio successivo è stato fatto con la migrazione a Csr2 e la dismissione dei vecchi centralini, con una vera e propria migrazione del traffico voce verso il software Microsoft.Altro aspetto importante è stata l’adozione di periferiche di qualità da utilizzare in abbinamento al computer».

Successivamente c’è stata l’implementazione di un sistema di contact centre, anche grazie a una soluzione software fatta in casa. Il progetto, complessivamente, può dirsi unico nel suo genere, perché mette insieme vendor importanti: le soluzioni HP sovrintendono alla parte hardware e networking, quelle Microsoft sono impiegate sul lato software, mentre Polycom e Plantonitrics forniscono i device, dando vita a un’unica soluzione interoperabile. «La nuova frontiera è far sì che i nostri clienti, indipendentemente dal mezzo di comunicazione che utilizzano, riescano a parlare con il nostro commerciale. Questo passaggio sarà possibile con il nuovo contact center che sarà rilasciato su Skype for Business, che adotterà anche la parte di chat e videochat. Per noi è molto importante essere al passo con le innovazioni, testarle e trasferirle ai nostri clienti», conclude il manager Esprinet.

Gianluigi Torchiani

Cagliaritano trapiantato a Milano, in dieci anni ha scritto di qualsiasi argomento. Papà, un passato in canoa olimpica e un presente nel calcetto. Patito di classic rock. Redattore #Digital4Trade

«Ecco come abbiamo rivoluzionato le nostre comunicazioni», Skype for business e il caso Esprinet

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *