Da Dimension Data un cloud che coinvolge anche il canale - Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

VIDEO

Da Dimension Data un cloud che coinvolge anche il canale



Il modello di business del fornitore di servizi ICT affida ai partner il contatto con il cliente finale, eliminando al contempo la necessità di investire in infrastruttura

Gianluigi Torchiani

16 Mar 2016


Enrico Brunero, BU Manager Data Centres & ITaaS - Dimension Data Italia

Il cloud può essere un affare anche per gli operatori di canale, che pure nel passato hanno diffidato di questa tecnologia per timore di una possibile disintermediazione. È questo il messaggio che Dimension Data, società specializzata nell’offerta e nella gestione di soluzioni e servizi ICT, ha voluto lanciare in occasione della seconda edizione di Day4Trade. Come ha raccontato Enrico Brunero, IT as a Service Unit manager di Dimension Data, «Day4Trade per noi è stata un’occasione assolutamente importante per andare a intercettare delle opportunità con i nostri potenziali partner, soprattutto in un ambito come quello del cloud, dove abbiamo delle interessanti proposte rivolte agli operatori di canale. Mi riferisco a Service Provider ma anche a sviluppatori software e system integrator, ossia tutte tipologie di aziende che sono state presenti a Day4Trade e con cui c’è stata la possibilità di parlare e trovare delle aree di collaborazione».

Il mercato di riferimento servito da Dimension Data è di fascia medio-alta, quindi aziende appartenenti a svariati settori (Media, Retail, Manufacturing, Finance, ecc) che hanno spesso in comune la dimensione internazionale. Spiega Brunero: «Forniamo dei servizi cloud che hanno la capacità di essere perfetti per esigenze strettamente locali (per esempio tematiche di com pliance o di sicurezza), ma anche di dare delle risposte perfettamente valide a quei clienti che hanno una presenza internazionale e che vogliono però mantenere il controllo sui propri dati e scegliere i luoghi dove attivare i propri Servizi. In particolare sapere dove le applicazioni sono installate, senza essere obbligati ad accettare le politiche proposte da alcuni provider».

Un’offerta particolare che può essere d’interesse anche per il canale: «Il messaggio che vogliamo trasmettere al nostro canale è uno soltanto: la partnership con Dimension Data è un elemento vincente per l’evoluzione strategica dei partner che lavorano con noi in ambito cloud. Non abbiamo infatti la necessità di avere un contatto diretto con il cliente finale, come invece hanno molti altri competitor. Al contrario, proponiamo delle soluzioni white label che rendono il nostro partner il primo punto di contatto con il cliente finale, ma – allo stesso tempo – li svincoliamo dalla necessità di investire nella creazione di un’infrastruttura e nella gestione delle operazioni, che invece continuiamo a svolgere per conto loro», conclude il manager di Dimension Data.