Budget IT, ecco cosa chiedono le aziende al canale | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Indici e innovazione

Budget IT, ecco cosa chiedono le aziende al canale

di Marco Maria Lorusso

04 Ott 2013

Enterprise mobility e Cloud Computing le due aree dalle quali i partner di canale si aspettano di più per il prossimo anno sull’onda di richieste sempre più pressanti da parte delle imprese. I dati, i trend e i risultati emersi dall’atteso report firmato da CA Technologies e giunto quest’anno alla sua quinta edizione. il 58% dei partner è diventato o ha in progetto di trasformarsi in MSP a pieno titolo

 

\"\"
Aziende sempre più a caccia di innovazione e flessibilità, rivenditori in piena ed epocale evoluzione in ottica Service Provider… Atteso come sempre anche quest’anno il Channel Index di CA Tecnologies ( 554 i partner di CA Technologies coinvolti nella survey in EMEA, APJ e Nord America) scatta una foto molto interessante sui principali trend in atto nel canale indiretto europeo e non solo.

Secondo l’indagine Channel Index 2013 di CA Technologies, le aziende in EMEA tendono innazintutto sempre più a riallocare i loro budget IT dalla manutenzione ordinaria a progetti innovativi volti alla fornitura di servizi remunerativi.

Il Channel Index 2013 di CA Technologies ha rivelato che i partner in EMEA dedicano mediamente il 34% del loro tempo (il 41% nel caso dei partner italiani) ad assistere i clienti nello svolgimento di progetti innovativi che consentono la messa a punto di servizi in grado di generare un incremento del business. Secondo un’opinione diffusa, invece, l’80% del budget informatico dell’azienda sembrerebbe essere destinato ad attività di manutenzione ed esercizio, relegando un misero 20% alle iniziative dedicate all’innovazione.

Dall’indagine sono emerse due aree prioritarie per gli investimenti IT: Enterprise Mobility e Cloud Computing. L’Enterprise Mobility gode di una sempre maggiore diffusione in quanto mette a disposizione di clienti e dipendenti nuovi canali di accesso alle applicazioni aziendali, conferendo tuttavia maggiore complessità all’ambiente IT e generando nuove sfide dal punto di vista della gestione e della sicurezza.

Il sondaggio ha rivelato che l’83% dei partner di CA Technologies in EMEA e l’86% di quelli italiani prevede per il prossimo anno un aumento della spesa stanziata per l’Enterprise Mobility, mentre la quasi totalità degli intervistati (93%) è consapevole che la rapida adozione del paradigma della mobilità possa creare opportunità di crescita per il business aziendale. Questa percentuale sale al 97% nel caso dei partner italiani.

«In base alle risposte espresse dai partner di CA Technologies – spiegano gli analisti – la seconda area prioritaria per gli investimenti informatici dei clienti sarebbe costituita dal Cloud Computing. Quasi due terzi (66%) dei partner consultati prevedono infatti che il prossimo anno si registrerà un incremento della spesa dedicata al Cloud Computing. In Italia, questa percentuale arriva a toccare il 64%. Questo è il quinto anno di seguito in cui il Channel Index di CA Technologies prevede una forte crescita del fenomeno. Il Cloud consente infatti ai clienti di usufruire di maggiore agilità per far fronte alle esigenze del business aziendale, favorendo la spinta all’innovazione grazie alla valorizzazione di questa nuova modalità di fruizione della tecnologia. Il fenomeno del Cloud Computing sta trasformando anche il modello dei costi, decretandone la transizione dai tradizionali investimenti fissi a modelli incentrati sulla logica “pay-per use”».

\"\"
Mentre il cloud privato costituisce attualmente il modello di deployment più diffuso (il 64% dei partner ‒ il 62% in Italia ‒ ha clienti che lo utilizzano), l’uso del cloud ibrido sta rapidamente prendendo piede. In EMEA, l’impiego del cloud ibrido è aumentato del 50% rispetto all’edizione precedente di questa indagine (33% di utenti contro il 22% dello scorso anno), mentre il dato italiano si attesta sul 27%.

Dal punto di vista dell’innovazione, anche i partner di CA Technologies non sono da meno, avendo adattato i loro modelli di business per rispondere alle richieste dei clienti con la graduale trasformazione in Managed Service Provider (MSP). L’avvento e l’adozione di tecnologie dirompenti presenta grandi opportunità per i partner che si attivano per rispondere in tempi rapidi ai mutamenti del mercato, come risulta anche dall’indagine.

Il Channel Index 2013 di CA Technologies ha evidenziato che il 58% dei partner è diventato o ha in progetto di trasformarsi in MSP a pieno titolo, mentre il 25% ha ammesso di dover prima o poi prendere in considerazione il modello MSP. In Italia circa la metà degli intervistati (48%) ha iniziato il processo di evoluzione del proprio business verso un modello MSP con cui sviluppare un portafoglio di servizi basati su cloud per permettere ai clienti di soddisfare le esigenze del business con l’aiuto di un IT più flessibile ed efficiente in termini di costi. I partner forniscono anche servizi innovativi, come indica quel 72% che offre servizi aggiuntivi rispetto all’offerta IT di base.

Metodologia di ricerca

Il Channel Index 2013 di CA Technologies è uno studio condotto annualmente sui partner di CA Technologies per fare il punto sulle aspettative del settore informatico. Quest’anno ricorre la sua quinta edizione, la prima in cui l’indagine abbia assunto portata mondiale. Nel corso del 2013 sono stati 554 i partner di CA Technologies in EMEA, APJ e Nord America a completare l’apposito questionario on-line.

Marco Maria Lorusso

Servitore della penna, la fatica come vocazione. Pugile e Medievalista mancato. Divoratore di BritPop e Dylan Dog, papà di Gaia Maria e Riccardo. Direttore Responsabile #Digital4Trade #Sergente