Blackberry torna in Italia per l'Enterprise of things | Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Strategie

BlackBerry è tornata… con il canale, un distributore e l’Enterprise of Things

di Marco Maria Lorusso

15 Feb 2018

L’azienda, forte di risultati record, si propone con la sua vera anima di produttore software dedicato alla mobile security . Obiettivo, rilanciare il mercato italiano con un focus forte sul canale, sui system integrator e sul valore grazie all’accordo con CleverMobile Distribution.

BlackBerry è tornata… sul canale, con un distributore e tanto software.
Gli equilibri, nuovi, stanno pagando e dopo la burrasca smartphone ora i numeri cominciano ad essere importanti. BlackBerry, come spiegano gli esperti oltre oceano, è solida nella sua dimensione di società produttrice di software: gli ultimi risultati finanziari trimestrali parlano di ricavi in crescita netta e guadagni complessivi che continuano ad aumentare. La multinazionale canadese ha infatti messo a segno guadagni per 249 milioni di dollari, le stime erano più caute (intorno ai 220 milioni) e ricavi complessivi di 996 milioni. Il tutto per un tasso di crescita del 26% anno su anno. Notevole anche il dato sui margini lordi in crescita del 76%.

 

BlackBerry torna più forte in Italia, con il canale e con l’Enterprise of things.

Dopo la decisione di abbandonare il mondo dell’hardware e della storica linea di produzione di smartphone e terminali (ad oggi i dispositivi a marchio BlackBerry sono prodotti da TLC, azienda cinese che possiede anche i diritti sul marchio Alcatel) BlackBerry come brand specializzato nel software e nella sicurezza convince sempre più il mercato. Una solidità che, come spiegato in esclusiva da Digital4Trade, si è tradotta, nelle scorse settimane, in una importantissima riorganizzazione del suo canale di vendita italiano.
L’idea e la pratica è quella di un accordo di distribuzione con una realtà ad alto valore aggiunto con un focus chiaro sulle tecnologie mobile, ovvero quella CleverMobile Distribution nata nel corso del 2017. CleverMobile Distribution è stata di fatto una delle novità più interessanti sul canale ICT italiano lo scorso anno. Una novità perfettamente coerente con i tempi e le richieste del mercato. Tempi in cui lo spazio per i “generalisti” della tecnologia continua a restringersi in favore di realtà di forme e dimensioni diverse ma con un focus verticale ed esclusivo sulle onde digitali più dirompenti. Un’onda come quella del software e della sicurezza su cui BlackBerry come detto ha deciso di giocarsi la sua nuova e più importante partita e di farlo proprio con un operatore al 100% dedicato.

 

BlackBerry torna e scommette su Clever Mobile Distribution

Antonio Serra, Sales & Marketing Director di CleverMobile Distribution

Più in particolare, l’obiettivo è quello di sviluppare importanti progetti con system integrator che vogliono proporre tecnologie orientate al nuovo paradigma dell’Enterprise of Things.
Proprio l’Enterprise of Things si sta infatti affermando come punto di incontro tra mobile e IoT, una piattaforma di servizi in grado di portare vantaggi concreti alle imprese ormai inevitabilmente di fronte alla svolta del mobile al servizio dei processi strategici.
«Per essere leader in un mercato dinamico come il nostro – racconta e commenta Antonio Serra, Sales & Marketing Director di CleverMobile Distribution -, ovvero il mobile (lo dice la parola stessa), è necessario essere flessibili, veloci, preparati. La nostra partnership distributiva con BlackBerry conferma la volontà di CleverMobile Distribution di mantenere la leadership italiana come unico distributore di soluzioni Enterprise mobile. L’Enterprise of Things – continua Serra – è una nuova decisiva fase di maturazione per l’IOT, una fase che, per essere declinata in azienda richiederà strategie e approcci diversi dettati principalmente dalla necessità di operare con dati in tempo reale e dopo averli analizzati, validati, messi al sicuro. L’Enterprise of Things strizza dunque l’occhio non solo al mobile, ma anche ai Big Data e all’immagazzinamento di dati e informazioni ma soprattutto agli strumenti di analisi dei dati. L’Enterprise of Things è una grande opportunità per il mercato italiano, ma per essere davvero tale e per offrire maggiore efficienza e produttività serve un approccio non solo tecnologico ma strategico. Un approccio che solo un partner di valore, con competenze serie, comprovate e certificate, può offrire. Questo è il canale che CleverMobile Distribution sta costruendo intorno ad un brand in fase di rilancio dirompente come BlackBerry ed è grazie alle partnership con system integrator che hanno caratteristiche molto precise e delineate che insieme potremo raggiungere gli obiettivi prefissati».

Marco Maria Lorusso

Servitore della penna, la fatica come vocazione. Pugile e Medievalista mancato. Divoratore di BritPop e Dylan Dog, papà di Gaia Maria e Riccardo. #Sergente