Arrow University 2018: i messaggi di F5 Networks ai partner | Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

VIDEO

Arrow University 2018: i messaggi di F5 Networks ai partner

di Redazione

28 Nov 2018

I nuovi fenomeni tecnologici aumentano la complessità: che può essere governata dalle soluzioni di Application delivery networking di F5 Networks

Il mondo del business è molto diverso, anche da un punto di vista infrastrutturale, rispetto a qualche anno fa. Fenomeni come il Cloud hanno da un lato favorito l’elasticità e la flessibilità di business delle aziende ma, d’altro canto, hanno creato anche una maggiore complessità. Che va, in qualche modo, governata. Questo è il compito che si è prefisso un vendor come F5 Networks, come racconta Maurizio Desiderio, Country Manager Italia & Malta:  «Viviamo in un mondo application centric, tutto ciò che facciamo ci vede interagire con le applicazioni, a partire dall’accesso a determinati servizi. Anche il mercato sta cambiando: se una volta le applicazioni risiedevano esclusivamente nel Data Center on premise, ora possono essere ovunque. Non solo: sono anche sviluppate in maniera diversa, ci sono meccanismi come il DevOps che vengono sempre più impiegate». Questo cosa comporta? Che queste applicazioni vanno gestite in un ambiente che è estremamente complesso, spesso addirittura multicloud, che inevitabilmente comporta delle complicazioni per l’utente finale. Quello che F5 offre è una piattaforma unica che consente all’utente di gestire le applicazioni (Application Delivery Netwoking) in maniera omogenea, sia da un punto di vista funzionale che, soprattutto, di sicurezza.

 

Oltre all’offerta tecnologica che il vendor riesce a mettere in campo, un prezioso aiuto arriva anche dalla distribuzione: «Il mercato europeo, rispetto a quello americano è molto diverso ma, soprattutto, è perlomeno un anno indietro. Per questo motivo abbiamo intrapreso un processo di evangelizzazione già da tempo: gli utenti finali sono consapevoli di aver intrapreso un percorso che li porterà a un utilizzo massiccio del cloud, parecchi però non hanno ancora ben capito come farlo. L’aiuto di Arrow ci permette di avere molta più capillarità nella diffusione di questi messaggi e aiutare i clienti a fare le scelte giuste. Soprattutto scelte che riducano in maniera significativa i rischi».

 

In questo contesto non mancano, ovviamente, le opportunità per il canale: «Il mercato è in estrema evoluzione, ci sono tantissime aziende che hanno necessità di essere guidate: le applicazioni, a prescindere da dove sono ubicate, devono essere guidate e gestite. Questo spesso e volentieri, è compito dei partner che, con le giuste competenze, possono assistere i clienti in questo tipo di percorso che viene chiamato di Digital Transformation», conclude Desiderio.

Arrow University 2018: i messaggi di F5 Networks ai partner

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *