Stampanti 3D, il segmento industriale è ancora in affanno | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Scenari

Stampanti 3D, il segmento industriale è ancora in affanno

di Gianluigi Torchiani

19 Lug 2016

Lo segnalano i dati di Context relativi al primo trimestre del 2016: bene soltanto i dispositivi rivolti agli utenti privati, grazie alla domanda di modelli entry level

Nel primo trimestre del 2016 il mercato globale delle stampanti 3D è stato ancora una volta caratterizzato dal segno più, ma una lettura più approfondita dei numeri segnala come il settore stia vivendo una fase di transizione. I dati della società di analisi Context mettono in luce, infatti, come le spedizioni complessive siano aumentate del + 9% nei primi tre mesi dell’anno rispetto allo stesso periodo di un anno fa. Il risultato è però effetto di due tendenze di segno opposto: le stampanti personali-desktop, destinate alle utenze private, hanno macinato numeri positivi. Al contrario, il segmento professionale-industriale, da cui dipende il 78% dei ricavi globali dell’intero settore, ha assistito a un decremento del 20% in meno delle spedizioni nel trimestre. Tutto questo nonostante il buon andamento delle stampanti 3D per la produzione di metallo, in incremento del 29% anno su anno.  L’andamento complessivo del mercato ricalca, con percentuali persino maggiori, quello già osservato nell’ultimo trimestre del 2015.

Particolarmente acute sono state le difficoltà di due brand leader del settore come Stratasys e 3D Systems, che hanno riscontrato passi indietro – rispettivamente – del -32% e del -66% rispetto a un anno fa. Il mercato nel trimestre ha risentito degli annunci di HP e Ricoh, pronte a entrare entro il 2016 nel mondo professionale. Un ingresso che, secondo Context, aiuterà il passaggio da un’industria focalizzata sulla creazione di prototipi a una specializzata nella produzione di medio periodo. Inoltre, se per ora le stampanti 3D sono soprattutto usate per le finiture (spesso di metallo) di apparecchi in alcuni specifici mercati (areospaziale, ortopedia, ecc) l’aspettativa è che in futuro ci possa essere una svolta anche nel mercato di massa della produzione di plastica. E l’ingresso dei big dell’IT dovrebbe favorire questo passaggio.

Siamo, insomma, nel bel mezzo di un momento di transizione, che spiega perché le vendite del segmento professionale mostrino i contraccolpi sopra citati. D’altra parte, il settore desktop-personal continua a crescere, percorrendo la sua strada in maniera autonoma. La taiwanese XYZprinting è rimasta il leader mondiale nel trimestre, ma ha visto scendere la sua quota di mercato al 25% a causa dell’ingressi di nuovi player di mercato. Che è destinato a continuare anche nel prossimo futuro, per via della elevata richiesta di modelli entry level. Più a lungo termine, Context continua a vedere roseo per il mondo del 3D: in particolare, il giro d’affari per il mercato globale per la stampa 3D (ovvero non solo l’hardware ma anche materiali e servizi) è atteso in forte crescita: dai 4.1 miliardi di dollari nel 2015 si arriverà a quota 18.4 miliardi entro il 2020.

Gianluigi Torchiani

Cagliaritano trapiantato a Milano, in dieci anni ha scritto di qualsiasi argomento. Papà, un passato in canoa olimpica e un presente nel calcetto. Patito di classic rock. Redattore #Digital4Trade