Context: tutti i numeri del Networking sul canale | Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Channel Sales Watch

Context: tutti i numeri del Networking sul canale

di Marco Maria Lorusso

17 Mar 2014

Nuovo appuntamento con i numeri del Channel Sales watch firmato Context-ICT4Trade. Secondo l’osservatorio sui mercati più caldi e le analisi sulle vendite di sales out attraverso il canale di distribuzione, un mercato chiave come quello delle infrastrutture di rete è in un fase stagnante con qualche interessante area di valore…

Networking e canale, calma piatta… Contex rivela un mercato praticamente stagnante a livello di distribuzione. La seconda parte del 2013 ha registrato un lieve calo, accentuato soprattutto nel mese di agosto. Nell’insieme, mentre il leader Cisco presenta un andamento altalenante, emerge al contrario il passo in avanti in termini di quote di mercato registrato da AVM e da HP, passate rispettivamente dal 10,4% e 6,8% di giugno 2013 al 16,1% e 11,2% di novembre. Tra i detentori delle principali quote (sopra il 10%) nell’arco dell’interno anno scorso, anche TP-Link si è meß  a in luce, con un avanzamento dell’83% però insufficiente a compensare il risultato negativo globale. Il mondo della distribuzione in Italia, nei primi undici mesi del 2013 ha infatti perso un 6%. Pur restando il primo attore,

Cisco deve invece accusare un evidente arretramento, scendendo dal 36% al 26%. Più contenuto invece il passo indietro di Netgear, scesa dal 17% al 16%. In particolare, la prestazione di HP è riconducibile all’off erta in ambito Borderless Networking. La posizione di Cisco resta dominante con il 41,6% (-9% di share, conseguenza di un fatturato sceso del 25,9%), anche se il più dirett o rivale arriva al 16,8%, grazie a un significativo passo in avanti del 38,5% nelle vendite al quale corrisponde un +6% di mercato.

In termini assoluti, da sottolineare anche l’avanzamento di TP-Link pari al 61,1%, grazie al quale la quota complessiva arriva al 4,6%.

In calo gli switch…

Anche sul fronte degli switch , punti forti di qualsiasi infrastruttura di rete, la situazione non è molto diversa. Il calo anno su anno registrato da Context è del 10%, da cercare soprattutto nel -28,3% di Cisco, che comunque mantiene una leadership indiscussa, con il 44,1% di mercato, scendendo però sott o la maggioranza assoluta (56% un anno prima). D’altra parte, ancora una volta l’avanzamento del 27,6% di HP non è da sottovalutare, consolidando una seconda posizione che vale il 22,4% del fatturato complessivo del canale italiano, grazie a un guadagno dei sei punti percentuali. Spicca inoltre in questo settore la crescita superiore a cinque volte di Dell, il cui ruolo resta comunque ancora molto contenuto, pari allo 0,5%.

Va invece ricercata nel wirelessla ragione principale della crescita TPLink. In un settore più omogeneo, con un avanzamento complessivo del 10,2%, Cisco mantiene comunque il primo posto, con il 31,5% nonostante la perdita di 5,5 punti percentuali e un calo del fatturato pari al 5,3%. Ancora una volta, è HP a registrare il migliore incremento rispetto all’anno precedente (205,7%), in un comparto dove però la quota è decisamente inferiore (7,7%, rispetto al 3% dell’anno precedente) e che vale la sesta posizione. Dietro a Cisco in questo caso figura Netgear, forte di un 15%, al momento ancora solido nonostante un calo di fatturato del 6,5% e relativa discesa di quota rispetto al 18%. Per il momento infatti, l’incremento del 72% permette a TP-Link di arrivare al 9,8% del mercato, comunque un terzo in più.

Marco Maria Lorusso

Servitore della penna, la fatica come vocazione. Pugile e Medievalista mancato. Divoratore di BritPop e Dylan Dog, papà di Gaia Maria e Riccardo. #Sergente

Context: tutti i numeri del Networking sul canale

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *