Volano i ricavi di Huawei, non solo per gli smartphone | Digital4Trade
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Semestrali

Volano i ricavi di Huawei, non solo per gli smartphone

di Gianluigi Torchiani

20 Lug 2015

Nel primo semestre dell’anno il gigante asiatico ha messo a segno uno sviluppo del 30%, grazie anche ai progressi dei segmenti carrier ed enterprise

Un primo semestre di grande crescita per Huawei e non soltanto per le vendite dei suoi smartphone. Secondo quanto reso noto dallo stesso gigante asiatico, nel primo semestre del 2015 la società ha messo a segno ricavi per 28,3 miliardi di dollari, per una crescita del 30% anno su anno, il più elevato sviluppo degli ultimi cinque anni. Il maggiore motivo di soddisfazione è che la crescita è stata equamente distribuita lungo le tre aree di business (enterprise, consumer e carrier) in cui è attivo il gruppo. In ambito enterprise vengono citati i risultati ottenuti in ambiti come cloud computing, storage, reti agili, e nelle soluzioni per le città intelligenti, la finanza e l’istruzione. Per quanto riguarda il business consumer, in attesa dei nuovi prodotti che dovrebbero essere lanciati prossimamente sul mercato, la notizia positiva è che i prodotti destinati alla fascia medio alta del mercato, in particolare Mate7 e P8, hanno ottenuto buoni risultati, tanto da aver aiutato a garantire la “crescita sostenibile nel settore consumer”.Per il momento Huwei è il vendor numero tre in Cina, così come negli Usa.

Per quanto riguarda il terzo settore, ossia la fornitura di infrastrutture di rete ai carrier, il business è trainato soprattutto dagli investimenti nella costruzione della rete 4G in Cina, anche se la società è già impegnata anche nella sperimentazione del 5 G. Dati i risultati del primo semestre, la società è ovviamente fiduciosa di concludere il 2015 su questi livelli. Un’altra notizia positiva era giunta la scorsa settimana, con l’autorizzazione del governo indiano a costruire una fabbrica direttamente in India. Un via libera che potrebbe spalancare ad Huawei le porte del fiorente mercato indiano, che è atteso in crescita del 26% annuo nei prossimi 4 anni.

Gianluigi Torchiani

Cagliaritano trapiantato a Milano, in dieci anni ha scritto di qualsiasi argomento. Papà, un passato in canoa olimpica e un presente nel calcetto. Patito di classic rock. Redattore #Digital4Trade

Volano i ricavi di Huawei, non solo per gli smartphone

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *