Vendere security, il caso di Tinet | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Partner di successo e filiere di valore

Vendere security, il caso di Tinet

di Marco Maria Lorusso

17 Nov 2013

Oltre 30 anni di storia e una capillarità tipica del canale a valore italiano. Il rivenditore di Treviso racconta come ha affrontato la sfida della sicurezza ai tempi del cloud. Le criticità, i successi, i casi concreti e i segreti della filiera che lega la società Veneta ad un vendor come F-Secure e a un distributore come Symbolic

Lorenzo Celussi, Tinet
«Siamo la sintesi di un lungo percorso di esperienze, maturate anche attraverso varie acquisizionioperate nel tempo, ma soprattutto grazie agli importanti investimenti in tecnologia e nella formazione del personale come stanno a dimostrare le molteplici certificazioni cercate e ottenute». In mezzo a tante discussioni e mille teorie, Tinet, oltre 2000 clienti attivi, un fatturato prossimo ai 10 milioni di euro (di cui oltre il 40% in servizi), circa 50 addetti, 2 sedi in Veneto ed 1 in Friuli, è un operatore di canale che da oltre 30 anni fa del valore, quello più concreto e utile per il business, la sua stella polare.

«Realizziamo soluzioni informatiche per aziende di medie e piccole dimensioni, commercialisti, consulenti del lavoro ed enti pubblici – racconta Lorenzo Celussi, ICT Senior System Engineer della società Veneta -, abbinando ai prodotti hardware e software un’ampia gamma di servizi». Innovazione a 360° con una attenzione tutta particolare però al mondo della sicurezza. Un mercato chiave soprattutto in tempi di Big Data, cloud computing e informazioni critiche che viaggiano a velocità siderali fuori e dentro il perimetro aziendale.F-Secure è sempre stata al passo con le nuove tecnologie, fornendo soluzioni antivirus efficaci con alte percentuali di rilevamento virus; questo ha consentito ai nostri clienti di concentrarsi sul loro business aumentando la loro redditività. Quello che che più ci serviva e ci ha convinto in questi anni è proprio il supporto puntuale e la proposizione di nuove e valide soluzioni, ciò ha rafforzato il legame di partnership e lo ha reso così duraturo».

Ma quali sono le criticità più grandi che un rivenditore oggi si trova ad affrontare e cosa chiedete a un vendor e a un distributore?

«Dovendo interagire sempre più con nuovi sistemi (Cloud, dispositivi mobili, ecc.), riteniamo che una delle grandi sfide ma allo stesso tempo criticità sia quella di gestire in piena sicurezza tali contesti, tema oggi sottovalutato. Al vendor e al distributore chiediamo di interpretare correttamente i nuovi scenari tecnologici che si stanno delineando e conseguentemente supportarci nel proporre le soluzioni più corrette».

Che ruolo ha in particolare Symbolic per voi e quali sono le attività in cui vi supporta maggiormente?

«Abbiamo conosciuto Symbolic oltre 15 anni fa, in quanto rivenditore dei prodotti F-Secure. Da allora possiamo dire che è stato un grande interprete del mondo della Security in quanto, oltre agli antivirus, abbiamo adottato ulteriori loro soluzioni, molto apprezzate dai nostri clienti. Symbolic ci supporta egregiamente sia sul fronte tecnico, grazie alla disponibilità di un reparto altamente qualificato, sia sul fronte commerciale, ad esempio per quesiti di prevendita o per aggiornamenti continui sulle soluzioni da proporre».

C’è un caso, un progetto realizzato del quale andate particolarmente fieri? 

Di recente, da un mobilificio di notevole importanza sul territorio, che seguiamo da tempo a 360° per quanto concerne l’IT, abbiamo ricevuto apprezzamenti sulla qualità e validità della soluzione antivirus F-Secure. Il referente, il responsabile dei sistemi informativi, con grande background nella gestione di infrastrutture informatiche ma alla prima esperienza con l’antivirus F-Secure, è rimasto particolarmente colpito dalle prestazioni della soluzione proposta soprattutto dopo una serie di attente analisi comparative. Un successo che ovviamente non ha fatto altro che rendere più solida la filiera»

Quali sono i servizi e gli strumenti su cui punterete maggiormente nel prossimo futuro?

«Abbiamo appena rinnovato completamente il nostro portale online. Uno strumento chiave per il nostro business. Il rapporto diretto e le relazioni sono fondamentali ma un sito Web en fatto ti permette di offrire strumenti, informazioni e servizi con un valore aggiunto decisivo: driver, software, informazioni, acquisti. Su http://www.tinet.it è possibile davvero toccare con mano le nostre soluzioni e l’idea di innovazione che intendiamo portare sul territorio»  

 

Marco Maria Lorusso

Servitore della penna, la fatica come vocazione. Pugile e Medievalista mancato. Divoratore di BritPop e Dylan Dog, papà di Gaia Maria e Riccardo. Direttore Responsabile #Digital4Trade #Sergente