«Velocità e tecnologia proprietaria», la svolta di Supermicro apre nuovi scenari | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Brand New

«Velocità e tecnologia proprietaria», la svolta di Supermicro apre nuovi scenari

di Marco Maria Lorusso

05 Ott 2014

Fornitore di componenti, schede madri, case, networking… per rivenditori, distributori e OEM in tutto il mondo la multinazionale cambia ora passo puntando anche su una propria linea di soluzioni complete, con un occhio particolare per il mondo server. Un caso da conoscere molto da vicino e destinato ad aprire importanti scenari a valore anche in Italia

Una parabola ascendente: può essere riassunta così la storia di Supermicro, fondata nel 1993 in California da Charles Liang (che ne è tuttora il Ceo) con lo scopo di progettare e produrre schede madri di alta qualità per il mercato server.

Un obiettivo presto raggiunto, tanto che, nel giro di pochi anni, la compagnia aveva già raggiunto posizioni importanti sul mercato globale. Più di recente Supermicro, forte della sua esperienza, ha deciso di estendere il proprio raggio di attività e diventare in prima persona, un solution provider a tutto campo, tanto che oggi  l’azienda è leader dell’innovazione nella tecnologia server ma non solo, offrendo ai clienti di tutto il mondo sistemi e prodotti per Data Center, cloud Computing, IT aziendale, Hadoop / Big Data, HPC, alimentatori, workstation ma anche per soluzioni il networking e software per il server management. Le sue soluzioni  sono basate sull’architettura x86, sviluppata e prodotta da Intel. Quotata al Nasdaq sin dal 2007, oggi Supermicro impiega circa 1.700 persone in tutto il mondo e, sin dalla sua fondazione, i suoi risultati finanziari sono stati ogni anno proficui, con un fatturato annuo corrente che ormai si aggira sui due miliardi di dollari. Negli ultimi anni, infatti, Supermicro ha conosciuto una crescita significativa, anche a causa delle difficoltà accusate dai suoi competitor nel mercato server. La società ha la sua logistica globale, i centri operativi e di assistenza dislocati tra la Silicon Valley e i Paesi Bassi, mentre  il suo Science & Technology Park  è ubicato a Taiwan.

Supermicro spedisce i suoi prodotti a circa 800 clienti tra distributori, rivenditori e Oem di tutto il mondo, ma è attiva anche nella vendita diretta in circa 80 Paesi. Chiave del successo, secondo la stessa azienda, è la capacità di arrivare per prima sul mercato con le tecnologie più innovative e performanti, che possano garantire ai clienti il maggiore ritorno possibile sugli investimenti tecnologici, ma anche il suo vastissimo portafoglio di prodotti (adatti a business di diversa dimensione e consistenza) e una politica di prezzi competitiva. Supermicro è inoltre fortemente impegnata nella protezione dell’ambiente, mettendo in commercio – già dal 2006 – prodotti e sistemi ad alta efficienza energetica, che evitano l’emissione di tonnellate di anidride e carbonica e garantiscono anche un significativo risparmio economico sulla bolletta elettrica. Per il futuro, la sfida è quella di mantenere sempre il vantaggio tecnologico rispetto alla concorrenza, aumentando ulteriormente l’efficienza energetica dei propri prodotti. Supermicro punta anche all’espansione nel mercato asiatico ed europeo, rafforzando e ampliando i rapporti con i suoi distributori e i suoi partner Oem.

 

Marco Maria Lorusso

Servitore della penna, la fatica come vocazione. Pugile e Medievalista mancato. Divoratore di BritPop e Dylan Dog, papà di Gaia Maria e Riccardo. Direttore Responsabile #Digital4Trade #Sergente