Trend Micro entra a far parte della Microsoft Enterprise Cloud Alliance | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Partnership

Trend Micro entra a far parte della Microsoft Enterprise Cloud Alliance

di Gianluigi Torchiani

04 Nov 2015

Le soluzioni del vendor sono in grado di integrare i servizi cloud della casa di Redmond, come Azure o Office 365

Nuovo passo avanti nella collaborazione Microsoft-Trend Micro: il vendor di sicurezza, che da 20 anni collabora con la casa americana ed è anche certificato Gold Partner, è entrato a far parte della Microsoft Enterprise Cloud Alliance. Diverse sono le soluzioni cloud messe in campo da Trend Micro: tra queste Deep Security, che aiuta a mettere in sicurezza i carichi di lavoro cloud di Microsoft Azure. Il vendor, inoltre, ha recentemente lanciato Cloud App Security Solution per Microsoft Office 365, che estende la sicurezza interna di Office 365 con il rilevamento di exploit e analisi sandbox per identificare zero-day malware e codice maligno nascosto nei PDF o nei documenti di Office.

«Allineandoci con pionieri e innovatori come Microsoft rinforziamo il nostro impegno nell’aiutare i clienti a proteggere i dati all’interno del loro ambiente IT, dai desktop alle reti, passando per il cloud -. Ha affermato Partha Panda, vice president, global channel and strategic alliance, Trend Micro – . La flessibilità e l’affidabilità della piattaforma cloud di Microsoft permette alle aziende di indirizzare le necessità crescenti di business, mentre le soluzioni integrate Trend Micro sono specificatamente progettate per offrire sicurezza cloud massimizzando il ROI e assicurando di sfruttare pienamente i benefici della piattaforma cloud di Microsoft». Trend Micro è anche un membro del Microsoft Active Protections Program, che fornisce informazioni sulle vulnerabilità dal Microsoft Security Response Center, con lo scopo di aggiornare i prodotti e proteggere dalle vulnerabilità zero-day discusse nei Microsoft Security Advisories.

Gianluigi Torchiani

Cagliaritano trapiantato a Milano, in dieci anni ha scritto di qualsiasi argomento. Papà, un passato in canoa olimpica e un presente nel calcetto. Patito di classic rock. Redattore #Digital4Trade