TeamSystem punta a un futuro all'insegna di cloud e digitale | Digital4Trade
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

DIGITAL TRANSFORMATION

TeamSystem punta a un futuro all’insegna di cloud e digitale (e intanto unifica il canale)

di Fabrizio Marino

27 Mar 2018

Il gruppo guidato da Federico Leproux ha presentato i risultati positivi del 2017 durante l’evento “TalkS2018 – Digital is Running”. A guidare la crescita è stato soprattutto il business della nuvola, che inciderà sulle strategie di canale. A cominciare dalla nomina di Stefano Roversi come responsabile unico del settore

«La trasformazione digitale sta accelerando. Gli investimenti in tecnologia dei professionisti sono cresciuti e anche l’Italia sta facendo la sua parte. Siamo davanti a una opportunità enorme, ma c’è ancora tanto lavoro da fare. A cominciare dalla creazione di un ecosistema collaborativo all’interno del quale operare e crescere insieme. Il digitale non deve essere considerato una minaccia». È questo il messaggio principale che Federico Leproux, CEO di TeamSystem (qui il resoconto dell’ultimo partner summit), ha voluto lanciare dal palco di “TalkS – Digital Is Running”, l’evento corporate che ha riunito aziende del mercato ICT, istituzioni e opinion leader del mondo dell’innovazione, per discutere di trasformazione digitale.

Al grido di “sì, noi ci crediamo”, il gruppo ha messo in evidenza i risultati positivi del 2017, frutto principalmente di investimenti effettuati proprio nel campo dell’innovazione digitale. «Siamo cresciuti quasi esclusivamente in maniera organica, ha spiegato Leproux, e abbiamo accresciuto le nostre competenze anche grazie a piccole acquisizioni, fatte con l’obiettivo di estendere l’offerta del nostro gruppo».

 

Il motore dello sviluppo è stato senza dubbio il cloud, considerata l’architettura più semplice e scalabile per gestire i dati perché abbina a queste due caratteristiche anche la sicurezza. All’interno di una crescita media dei ricavi superiore all’8%, infatti, il business del cloud è cresciuto del 60%, con picchi di quasi il 90% se si includono le acquisizioni. Nel dettaglio, gli affari legati al mondo della nuvola per TeamSystem sono retti da tre pilastri: apertura di nuovi segmenti di mercato (fatturazione elettronica per esempio); servizi aggiuntivi che mettono in relazione le aziende e il mondo esterno (firma digitale, ecommmerce, in generale tutti i business che passano da una gestione di processi fisici una di processi software); passaggio al cloud di clienti tradizionali (on-premise).

L’evoluzione del gruppo guidato da Leproux, però, si muove anche lungo l’autostrada dell’open innovation, che trova espressione concreta in acquisizioni di realtà imprenditoriali focalizzate su business specifici. Per citarne alcune: Euresys (società che produce software per la gestione hr), EvolutionIt (startup del settore wellness), ma soprattutto Fatture in Cloud, startup attiva nel settore della fatturazione elettronica, guidata da Daniele Ratti, che punta a rivoluzionare il mondo delle micro-imprese e dei liberi professionisti.

Le novità del canale

Sul fronte dei partner, invece, un messaggio forte è stato indirizzato agli operatori di canale. La scommessa dell’azienda è reinventare il ruolo del VAR: sempre meno installatore di macchine e software e sempre più consulente per lo sviluppo di applicazioni. Per questo il gruppo ha deciso di unificare il canale distributivo, nominando Stefano Roversi responsabile unico del comparto.

L’obiettivo di Roversi sarà sempre di più il sellout, ovvero l’adozione da parte del cliente finale di una soluzione TeamSystem, a prescindere che questa adozione avvenga attraverso il canale diretto o quello indiretto. «Il 2016 e il 2017 sono stati due anni in cui il mercato ha dato un segnale forte al canale diretto». Ha aggiunto Stefano Roversi. «Il cloud c’è e la domanda è forte. Anche i clienti che fino a qualche tempo fa si mostravano scettici, ora stanno puntando con convinzione su questa tecnologia. Il vero tema semmai è quello legato alle competenze: per convincere un cliente a passare al cloud ci vogliono le argomentazioni adatte. Ecco perché ci apprestiamo a investire sulla formazione dei nostri partner».

Fabrizio Marino

Giornalista del Gruppo Digital 360 specializzato nei temi dell'innovazione e del Digitale